Ricalibrare il Campionato del mondo di magia FISM di Eric Eswin

Il Covid-19 per il mondo della magia significa che siamo costretti a ricalibrare le nostre strutture e le nostre riunioni e vedere quali cambiamenti stanno arrivando. Ormai dovremmo sapere e accettare che non si tratta di un cambiamento temporaneo, dopo il quale si potranno riprendere le vecchie abitudini del periodo pre-corona. Molti maghi sono stati estremamente creativi nel trovare modi alternativi per praticare l’arte della magia, avendo cura di tutte le restrizioni, come mantenere le distanze, stare lontano dagli eventi di messa, il numero massimo di persone nei teatri, alle riunioni, ecc. Conferenze Web tramite Zoom, Google Meet, Microsoft Team, Skype e simili sono state utilizzate in larga scala. I club hanno organizzato convegni online e maghi professionisti e dilettanti si sono serviti di Internet con presentazioni, conferenze e masterclass. È sorprendente notare che fino ad ora ognuno ha seguito la propria strada. In generale, c’è stata una mancanza di cooperazione e coordinamento. Per non parlare del supporto e/o il controllo da parte dell’organizzazione ombrello della magia, la FISM.

Dopo le negazioni iniziali e l’esitazione, i congressi nazionali e internazionali, compreso il campionato del mondo FISM, sono stati rinviati di un anno. Oltre la notifica del rinvio, spesso non è stato dato molto di più. È stato prospettato poco o niente su cosa sarebbe stato l’evento l’anno successivo. Ovviamente l’implicito pensiero era che la situazione sarebbe ritornata più o meno “come prima” e gestibile. A poco a poco, tuttavia, l’idea che comincia a prendere campo è che l’era post-Corona potrà essere diversa dal periodo pre-Corona a causa dei cambiamenti che sono intervenuti nel campo sociale, economico, finanziario e comportamentale. Le modifiche “temporanee” potrebbero diventare cambiamenti permanenti. Ma cosa sono esattamente questi cambiamenti? Siccome nessuno sa con certezza come il virus si svilupperà e come risponderemo ad esso, ci stiamo gradualmente spostando dal periodo pre-Corona al post Corona, senza avere un obiettivo finale chiaramente in vista e anche senza sapere quando verrà raggiunto un obiettivo finale. Così è difficile trovare il modo giusto.

Non è saggio considerare solo un „ futuro atteso „, che funge quindi da base per una nuova visione, strategia e design. Anche durante una ricalibrazione, deve esserci spazio per prendere in considerazione gradualmente altri percorsi o per incorporare altre possibilità. Dopotutto, un futuro non dipende esclusivamente dal tempo, ma anche dal modo in cui questo viene influenzato dalle azioni umane. In un certo senso noi possono contribuire a plasmare il futuro. In questo articolo verrà fornito lo schema di un Campionato mondiale di magia FISM online, utilizzando la piattaforma HYBRID MULTI-VENUE (Multi sede ibrida). Questa piattaforma non è ancora ampiamente utilizzata in magia, ma è ideale per un congresso o competizioni internazionali. Nel settore degli eventi, è considerato il metodo più vicino all’interazione faccia a faccia. Il concetto di una piattaforma HYBRID MULTI-VENUE (MULTI-SEDE IBRIDA) è che gruppi di maghi partecipino ad un evento magico allo stesso tempo in diverse località (internazionali). In luoghi diversi tutti prendono parte per esempio ad un campionato mondiale di magia FISM, allo stesso tempo, come concorrenti o come spettatori. La dimensione dei gruppi può essere diversa in tutte le sedi e può includere centinaia di persone.

Ogni partecipante è visto e, se necessario, ascoltato da tutti in ogni luogo. L’esperienza condivisa crea una sensazione di unione tra i partecipanti nelle diverse sedi. Rispetto a un webcast casalingo, l’approccio con il multi-sede è molto più divertente. A casa ti distrai facilmente ed è difficile continuare a concentrarti. In una situazione multi-sede vivi l’evento con gli altri e anche il networking è più stimolante perché l’evento è ibrido e può anche essere trasmesso in streaming dal vivo, in modo che anche altri, oltre ai partecipanti, possono fare questa esperienza on line. A casa l’assetto tecnico è per lo più amatoriale. Un campionato HYBRID MULTI-VENUE (IBRIDO MULTI-SEDE) richiede un’assoluta competenza professionale completa e non può essere lasciato a dilettanti. Per vivere un po’ l’atmosfera e la sensazione di un CAMPIONATO DEL MONDO FISM MULTI-SEDE IBRIDO DI MAGIA, immagina quanto segue:

Vivi a Parigi e vorresti entrare a far parte dei primi campionati mondiali online digitali di magia FISM. Quindi hai pagato una quota di iscrizione di 150 dollari canadesi (circa e 100 ⇔ oppure 117 US $) agli organizzatori ed alla data concordata vai in una grande sala a Parigi, che dovrebbe essere allestita come un teatro con strutture complete. Ci dovrebbe essere anche uno schermo TV enorme e molte telecamere, sistemi audio e altre attrezzature tecniche. Incontri circa cento amici maghi. In un angolo sbirci Norbert Ferré che scherza con Serge Odin, il presidente del FFAP. Inizi a capire che stai partecipando di persona nella sede parigina del primo CAMPIONATO DEL MONDO FISM MULTI-SEDE IBRIDO DI MAGIA.

Altre sedi sono a Melbourne, Cape-town, Tokyo, Buenos Aires e la “host venue” (la sede principale) ha sede in Québec, Canada. Ogni luogo rappresenta un continente. È un evento ibrido perché, a parte i partecipanti di persona nelle sei sedi, potrebbero aderire maghi da tutto il mondo all’evento online da casa loro. Il costo per la partecipazione online per due giorni è a solo 50 CAD (circa e 33 ⇔ oppure 39 US $). Molto più economico del biglietto d’ingresso per una partecipazione dal vivo o di persona in una delle sedi.

Sarebbe solo un abbonato online con cui non puoi interagire con le sedi, ma puoi scrivere i tuoi commenti e condividili direttamente con tutti gli altri spettatori online. Sul grande schermo vedi la sede di Parigi completamente visualizzata e si vedono le immagini delle altri sedi intorno. A Tokyo, Hiro Sakai sta eseguendo un nuovo effetto con le carte. Almeno questo è quello che pensa. In realtà tu sai che il trucco è vecchio ed è una creatura del genio di Masatoshi Furota. Glielo dirai più tardi durante uno dei “breakouts” (intervalli). Pochi minuti prima di mezzogiorno, Serge Odin fa un passo avanti, saluta il gruppo di Parigi e annuncia a breve che la sede principale di Québec prenderà la linea e il primo CAMPIONATO DEL MONDO FISM MULTI-SEDE IBRIDO DI MAGIA sarà inaugurato dal suo Presidente. Poiché si tratta del primo campionato mondiale ibrido online, il programma è concentrato sul concorso. Non è prevista nessuna stanza/attività dedicata ai dealer, conferenze, o cene sociali. Se il tempo lo permette uno spettacolo di Jeff McBride è un’opzione possibile.

I concorsi dureranno due giorni e per l’Europa il periodo di tempo sarà dalle ore 12:00 (mezzogiorno) fino alle 7 della sera. A causa delle differenze di orario, questi tempi varieranno tra le altre sedi. Per la sede di Buenos Aires, ad es. l’orario è dalle 7 del mattino fino alle 2 del pomeriggio, mentre la sede di Tokyo è dalle 7 di sera fino alle 2 del mattino successivo. Dopo il discorso di benvenuto del Presidente in Québec e un breve spettacolo con alcuni maghi, membri della Canadian Association, il concorso inizia. Ci sono 38 concorrenti per lo Stage e 20 concorrenti per il Close-up. Tutti i concorrenti sono stati accuratamente selezionati durante i precedenti campionati continentali. I concorrenti selezionati sono i migliori in ogni continente. Non devono viaggiare in Québec, ma si esibiscono nella propria sede o hanno precedentemente inviato un video del loro numero in Québec. Il video deve essere autorizzato dal Presidente del loro club di magia nazionale. Tutte le esibizioni sono giudicate da una giuria composta da sette persone. Il presidente della giuria e un altro giudice è nella sede di Québec. Ogni altra sede ospita 1 membro della giuria. Giudicano secondo le regole del concorso che sono state adattate, in linea con il nuovo concetto.

Dopo il discorso di benvenuto del Presidente del Québec, il primo concorrente della categoria General Magic, il mago canadese David Starr, si esibisce dal vivo sul palco del Québec. La sua performance è vista in tutte le sedi da tutti i partecipanti. La sua performance è abbastanza emozionante, c’è qualche reazione del pubblico. Ottiene molti applausi da tutte le sedi … particolarmente quando viene evidenziata una presa ben eseguita, che avrebbe dovuta essere invisibile. Dopo la sua esibizione i giudici compilano il modulo di valutazione e la inviano digitalmente al presidente della giuria del Québec, che subito lo inserisce in un sofisticato programma digitale di sintesi.

Il concorrente seguente, Shigeru Yamamoto, esegue il suo numero di manipolazione dalla sede di Tokyo e anche lui è riuscito ad avere molto sostegno da parte del pubblico. Alla fine, ha ricevuto una standing ovation da tutte le sedi. Dopo circa nove concorrenti il moderatore in Il Québec annuncia un intervallo, che si chiama “Breakout” nel mondo del business online. Durante quel periodo ogni sede locale può   fare quello che vuole. Si può prendere un caffè o un tè, stiracchiare le gambe o mostrare ad un amico un trucco. Tutti in ogni sede rimangono visibili sullo schermo, ma l’audio è spento. Quindi tu potresti vedere Tamariz esibirsi alla sede di Buenos Aires, ma non puoi sentire il suo “shuffle-shuffle-shuffle” mentre chiede a qualcuno di distruggere l’ordine delle carte.

Durante un breakout (intervallo) una sede può chiedere ai tecnici di metterla in contatto con un’altra sede. Dopo l’intervallo la competizione procede con il mago australiano Peter Ellis. La sede di Melbourne non è stata in grado di allestire un teatro e quindi è stato presentato il video del numero della illusione di Peter. Il pubblico ha gridato quando Peter ha concluso con una straordinaria produzione di una tigre viva. Così tutti i concorrenti del concorso “stage” hanno condiviso il loro entusiasmo e i commenti con gli altri partecipanti “in persona” che sono in tutte le altre sedi. E questo tipo di interazione continua nei 15 minuti di intervallo. Alle 13:00 ora del Québec (19:00 ora europea), il primo giorno del CAMPIONATO DEL MONDO FISM MULTI-SEDE IBRIDO DI MAGIA viene chiuso dal presidente in Québec, ricordando tutti di essere puntuali la mattina seguente per la continuazione del Campionato di Magia.

Il giorno successivo si inizia alla stessa ora del giorno precedente. Adesso è il momento del Close-up.  20 maghi di close-up selezionati sono pronti a competere per il prestigioso Trofeo FISM. La competizione di Close-up, con molte interazioni tra i partecipanti in persona, termina dopo circa quattro ore. Dopo un altro breakout la sede del Québec presenta uno special show composto e diretto dal mago canadese Greg Frewin. Allo stesso tempo, la giuria elabora le sue deliberazioni congiunte tramite uno speciale incontro online. Dopo lo “special magic show” di magia, c’è la cerimonia di premiazione. Secondo le regole del concorso (adattate), c’è un primo e un secondo premio in ogni categoria e un campione assoluto, che ha ricevuto il prestigioso FISM GRAND PRIX. Dopo che tutti i vincitori ricevono entusiasti complimenti e si affievoliscono le solite opinioni concitate sui risultati della giuria, in tutte le sedi si alzano i cori che cantano la composizione di Frank Wilson “Magic all over the world”. È un finale felice e dignitoso per il primissimo CAMPIONATO DEL MONDO FISM MULTI-SEDE IBRIDO DI MAGIA Elementi essenziali I Campionati del Mondo proposti sono basati su due fondamentali starting-points, rispetto al concetto attuale dei Campionati del Mondo FISM. Innanzitutto, c’è la componente Multi-sede. Non c’è solo una città dove si fa tutto, ma i campionati sono organizzati in sei città sparse nei sei continenti.

In secondo luogo, c’è la componente ibrida: non è solo un evento faccia a faccia per 2000 o 3000 maghi, ma un evento faccia a faccia per poche centinaia di maghi situati in diverse città PIÙ un evento online in streaming per migliaia di maghi che possono sperimentare i campionati del mondo da qualsiasi luogo sul loro schermo. Il numero di questi spettatori online non è da sottovalutare, alcuni maghi su YouTube hanno da 1.000 a più di 300.000 followers. Questi sono tutti potenziali partecipanti ai campionati del mondo ibrido multi-sede. Queste due componenti sono al centro della ricalibrazione dei Campionati del Mondo FISM di magia. Pro e contro È corretto dire che nel nuovo concetto non ci sia sempre interazione faccia a faccia. È anche vero che l’interazione personale è estremamente importante per gli spettacoli magici. Ogni il mago può confermarlo pienamente dalla sua esperienza. Ma nelle circostanze attuali (che possono andare avanti per un tempo senza precedenti) questa completa interazione faccia a faccia non è possibile o quantomeno non completamente. Questo è un problema estremamente grande, ma c’è poco che si può fare al riguardo.

Da qui l’ibrido formato multi-sede. Nell’industria dei “meetings”, il concetto di ibrido e degli eventi multi-sede sono visti come l’evento che si avvicina il più possibile all’interazione faccia a faccia.  Nel mondo degli affari il concetto del multi-sede ibrido viene utilizzato sempre di più. Ancora poco o per niente nell’industria dell’intrattenimento. È ora che il mondo magico faccia un primo passo. Il campionato ibrido multi-sede delineato sopra non è il massimo. È solo UNO dei modi in cui si potrebbe organizzare il CAMPIONATO DEL MONDO FISM MULTI-SEDE IBRIDO DI MAGIA. Non è inteso come una sostituzione completa dei campionati del mondo come li conosciamo oggi. È solo un’aggiunta all’arsenale di modelli organizzativi, da utilizzare quando le circostanze lo richiederanno.

Per il momento il Coronavirus giustifica pienamente un approccio multi-sede ibrido. Pensieri ulteriori Il modello proposto è un quadro di base che necessita di ulteriori dettagli e all’interno del quale varie regolazioni sono possibili. Ad esempio, sono stati ipotizzati “solo“ 38 numeri stage e 20 di close-up. Questo è fatto per avere più numeri possibili di una durata massima di 10 minuti (secondo le regole FISM) da eseguire per 7 ore al giorno. Se c’è bisogno di avere più concorrenti, anche questo può essere fatto aumentando il numero di giorni o limitando la durata di un numero, ad esempio, a 6 oppure 7 minuti. E perché un giorno di gara dovrebbe durare solo sette ore? Non potrebbe durare più a lungo? In realtà, 7 ore sono già troppo lunghe.

La sede di Melbourne (15 ore di differenza di fuso orario con il Québec) inizierebbe le attività dalle 21:00 fino alle 4 del mattino successivo! E anche a Tokyo si dovrebbe restare svegli fino alle 2 del mattino del giorno successivo. Nel settore degli eventi, si ritiene che la differenza massima di tempo debba essere di 12 ore, per dare un’esperienza simultanea a tutti i partecipanti in tutti i continenti. Ma si possono escogitare modi per mitigare questo problema delle grandi differenze di orario. Ci sono molte altre cose che richiedono un ulteriore riflessione ed elaborazione. Le regole, nazionali ed internazionali, per controllare il Corona virus devono essere prese in considerazione, ammettendo un numero massimo di persone in ogni sede.

Un nuovo piano aziendale deve essere progettato; nuovi modi di governare la FISM devono essere esplorati; la relazione con i proprietari del sito devono essere rivisti; ecc. ecc. Inoltre, tutto questo non dovrebbe essere fatto in modo isolato. È necessario il supporto e la consulenza urgente di progettisti di riunioni professionali o innovatori delle riunioni, che hanno esperienza con meetings e congressi ibridi multi-sede.  In Privato Anni fa, ho assistito alle lezioni del professore belga Roger de Bruyn, dell’Università di Anversa, sul “Pensiero creativo“. Ha spiegato che per stimolare la creatività, devi farti solo due domande: “Che succede se …?“ e “In quale altro modo?”. Le risposte a queste domande potrebbero non fornire sempre immediatamente le giuste soluzioni per il problema concreto, ma aprono nuove vie che possono portare a delle soluzioni.

In questo contributo ho cercato di rispondere alle domande: “… e se la crisi del Corona virus durasse più a lungo e portasse cambiamenti duraturi?” e “In quale altro modo potremmo organizzare i campionati del mondo FISM?“ È estremamente facile reagire negativamente al concetto di multi-sede ibrida ed elencare i motivi per cui i Campionati del Mondo FISM non sono adatti per un tale approccio. Dopo tutto, molti ostacoli si possono trovare facilmente. Pensare solo a questi ostacoli, sperando nel ritorno al tempo del pre-Corona porterà senza dubbio ad una grave delusione. Aspettare pazientemente e sperare non sono un’opzione. L’intenzione di questo articolo quindi non è di stimolare l’elenco di tutti gli svantaggi e le impossibilità. Vuole prima e soprattutto esaminare le possibilità buone, divertenti, nuove e stimolanti offerte dal nuovo concetto e come possiamo implementarle.

Questo articolo è ovviamente stato offerto anche ai membri dell’Assemblea Generale della FISM ed al suo consiglio di amministrazione. Possa essere di aiuto ed uno stimolo per una rapida attuazione di un nuovo piano strategico. Il Corona virus ci ha costretti a pensare ad una ricalibrazione. Sta a tutti noi agire e assicurarci di potere goderci rapidamente il primo CAMPIONATO DEL MONDO FISM IBRIDO MULTI-SEDE DI MAGIA. Preferibilmente nel 2022.

Di Eric Eswin (tradotto da Aldo Ghiurmino)

Eric Eswin ha cambiato in modo significativo la FISM nel 2006 con l’implementazione delle divisioni continentali. Adesso, 14 anni dopo, presenta un piano strategico per i Campionati del Mondo FISM nel periodo del Corona virus.

Scarica l’articolo in formato PDF 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.