venerdì, Maggio 24, 2024

Prestigiazione.it

Webzine di Illusionismo, Magia, Prestigiazione, Prestidigitazione e Prestigiribirizzazione.

Interviste

Anca & Lucca #Intervista

Durante la recente edizione di “Abracadabra” a Roma tra gli artisti che si sono esibiti anche i Campioni Mondiali di Mentalismo Anca e Lucca (e hanno eseguito il loro effetto in italiano).

Il loro numero è sensazionale sia per come è eseguito a livello teatrale sia perché non usano compari o dispositivi elettronici ammantando il tutto di ancor maggior mistero data l’impossibilità dell’esibizione.

E’ stata l’occasione per incontrarli e scambiare con loro alcune domande inerenti questa disciplina.

Come ti sei avvicinato al mondo della magia?

L: Sebbene fossi interessato alla magia fin da bambino, non mi è mai passato per la mente di impararla  da me finché non sono passato accidentalmente da un negozio di magia all’età di 19 anni. Il virus magico mi ha preso e da allora non mi ha più lasciato.

A: Non sapevo che esistesse la magia prima di incontrare Lucca nel maggio 2011. Ci siamo incontrati per caso ad un cocktail party – è stata passione a prima vista – e non sapevo chi fosse, né sapevo nulla di magia (non avevo mai già visto uno spettacolo magico ad eccezione di David Copperfield in TV negli anni ’90).

Ti sei interessato da subito al mentalismo?

L: Ho iniziato con trucchi automatici, poi sono passato alla magia con le carte. L’amore per il mentalismo è arrivato più tardi, quando ho capito che la maggior parte delle persone non aveva la minima idea di come funzionino questa tipologia di effetti. Per quanto possa divertirmi guardando la magia anche quando so come viene eseguita, il senso di un vero miracolo nasce solo quando si è assolutamente convinti che non possa esserci alcuna spiegazione.

A: All’inizio volevo semplicemente godermi le illusioni di Lucca ed ero una spettatrice entusiasta delle sue prove, ma non mi sono mai chiesto quali fossero i segreti. Ci siamo sposati nel giorno del nostro primo anniversario e in quella data Lucca mi ha mostrato per curiosità un video di una coppia di lettori del pensiero tedeschi e io gli ho detto direttamente che volevo imparare a eseguire quella tipologia di magia! Era sorpreso e riluttante, poiché fino a quel momento non avevo mai mostrato interesse nell’imparare qualcosa di magico. Ma la lettura del pensiero mi affascinava e non mi sono arresa finché non l’ho convinto a provarci. Ho ammirato e sono rimasta affascinata dal mentalismo poiché molti dei segreti erano intriganti e intelligenti.

La società odierna è molto diversa da quando era possibile credere che una persona avesse davvero poteri paranormali. Allora come viene visto il mentalismo dal pubblico?

L: Fortunatamente al giorno d’oggi le persone stanno diventando più istruite sulla magia e meno superstiziose, tuttavia il 20-30% di tutto il nostro pubblico alza la mano, quando chiediamo loro, se credono che la lettura del pensiero possa essere reale. Siamo grandi fan dell’illuminazione di Kant e siamo contenti di ogni spettatore che apprezza il nostro lavoro come arte piuttosto che come potere soprannaturale.

A: In realtà è piuttosto sorprendente che ancora molte persone credano nei poteri soprannaturali, poiché molti vengono da noi dopo i nostri spettacoli e ci chiedono se possiamo rivelare di più. Affermiamo sempre che siamo persone assolutamente normali e creiamo semplicemente l’illusione di leggere nella mente delle persone. Nel complesso, il pubblico è ancora incuriosito dal mentalismo poiché, se presentato ed eseguito bene, ha meno spiegazioni rispetto ad altre categorie di magia.

Sapendo che gli spettatori possono immaginare trucchi o compari, come ti avvicini alla costruzione di un atto di mentalismo?

L: La nostra dichiarazione di non responsabilità all’inizio dei nostri atti esclude tirapiedi, accordi preliminari e persino aiutanti segreti. Abbiamo sperimentato che l’attenzione e lo stupore del nostro pubblico sono migliori da quando abbiamo iniziato a dichiarare questo. Durante lo spettacolo amiamo fare battute autocritiche per far sapere al pubblico che noi sappiamo, che loro sanno, che stiamo solo mettendo su uno spettacolo.

A: Eliminiamo l’uso di assistenti segreti e preshow (insieme all’elettronica) con la nostra promessa di $ 1.000.000 (in cui si afferma che non utilizziamo tali metodi, come testimoniato da un notaio). Presentiamo questo documento visivamente e con disclaimer audio prima di salire sul palco. Tuttavia, ci sono ancora persone del pubblico che credono che mentiamo e che difficilmente riusciremo a fargli cambiare idea. Invitiamo partecipanti casuali a salire sul palco (quindi praticamente chiunque può essere coinvolto se lo desidera) e poi gli effetti si accumulano da spiegabili a quasi impossibili, cercando così di eliminare le soluzioni che il pubblico potrebbe pensare.

Il ritmo in ogni routine è fondamentale, come affronti questo concetto nel tuo lavoro?

L: Non siamo ancora soddisfatti a dire il vero. Stiamo ancora lavorando per trovare il ritmo giusto nei nostri spettacoli. Naturalmente bisogna adattarsi al tipo di pubblico, al luogo, all’occasione e anche all’ora del giorno, ma solo con l’esperienza e tanti spettacoli e prove un atto diventa “perfetto”.

A: Il ritmo potrebbe essere l’aspetto più difficile da considerare quando creiamo una delle nostre routine, poiché, da un lato, la lettura della mente dovrebbe essere il più misteriosa possibile, e dall’altro miriamo a renderla anche piuttosto divertente. Ecco perché aggiungiamo battute (a nostre spese, mai a spese dei volontari), errori intenzionali per creare tensione ed effetti sorprendenti (come trattenere un partecipante e dire “ma aspetta, c’è qualcos’altro…”)

Cosa è cambiato nell’esecuzione del mentalismo rispetto ad anni fa?

L: Sempre più persone sospettano dell’elettronica perché ne sono consapevoli e sono abituate ad utilizzarli nella vita di tutti i giorni, come i chip NFC o i telecomandi. Questo è il motivo per cui non li usiamo, ma mi congratulo con ogni mentalista che li usa per effetti di cui nessuno sospetta. Quindi, secondo me, i dispositivi elettronici sono perfettamente legittimati.

A: Con anni di esperienza sul palco abbiamo imparato che lo sbaglio più comune che facevamo era cercare di evitare errori a tutti i costi. In realtà gli errori aumentano il mistero o gli aspetti divertenti di una routine, se il mentalista rimane nel personaggio. Il pubblico spesso rimane ancora più sbalordito/impressionato se il mentalista prima sbaglia e poi corregge/scopre la verità.

Ci sono degli “errori” da evitare quando si prepara una routine di mentalismo?

L: Centinaia. Uno di questi è dimenticare il processo e affrettarsi troppo velocemente e direttamente verso l’effetto perché fino ad allora vuol dire che ci sentiamo insicuri. Ammiro quegli artisti che hanno abbastanza carisma da lasciare che il pubblico aspetti 15 minuti per il primo effetto, ma intrattengono comunque o addirittura emozionano fino ad allora.

A: Come per ogni altra cosa, bisognerebbe essere innanzitutto appassionati di mentalismo. Può sembrare più semplice dall’esterno (rispetto alle ore di pratica che si devono spendere quotidianamente quando si prepara una routine di manipolazione), ma in realtà ci vuole altrettanta dedizione se si vuole eccellere.

Se un ragazzo volesse avvicinarsi al mentalismo, quale percorso dovrebbe intraprendere?

L: Lezioni di recitazione. Più di ogni altra categoria di magia, il mentalismo necessita di azione!

A: Credo che l’attributo più importante che un mentalista dovrebbe avere sia la capacità di connettersi con i partecipanti sul palco, oltre che con il pubblico. Può essere un’abilità naturale, ma può anche essere appresa. Se non sei una persona comunicativa, l’altra via d’uscita sarebbe creare un personaggio che ti aiuti nel connetterti comunque con i volontari, invece di inimicarli. Nella maggior parte dei casi il pubblico reagirà se lo fanno i volontari sul palco; da qui l’affidabilità di questa connessione umana (che nella maggior parte dei casi non è richiesta nelle altre categorie di magia).

Come è nato artisticamente il vostro sodalizio?

L: Quando Anca vide una coppia tedesca praticare la telepatia tra due persone, volle immediatamente impararla. All’inizio non ero sicuro che ce l’avrebbe fatta e la “minacciai” addirittura di lavorarci, ma solo con lei e se fosse stata disposta a costruire qualcosa di nuovo da zero. Fortunatamente, lei ha accettò.

A: Eravamo prima una coppia nella vita privata e poi lo siamo diventati sul palco. Ho mostrato interesse per la lettura del pensiero ed è così che tutto ha avuto inizio. All’epoca lavoravo come consulente aziendale e non avrei mai sognato di diventare un performer a tempo pieno. Ma la mia precedente esperienza di 20 anni sul palco come ballerina professionista mi ha comunque aiutato a cambiare di 180 gradi la mia carriera.

Come vi siete preparati alle gare?

L: Abbiamo colto ogni occasione per provare ed esibirci. Prima della FISM 2022 siamo stati assunti alle Maldive per due settimane. Invece di stare in piscina o in spiaggia nel nostro tempo libero, abbiamo trascorso ogni minuto possibile in una stanza climatizzata senza finestre e abbiamo lavorato su ogni dettaglio. Siamo letteralmente andati al mare per 5 minuti. Sono convinto che senza questo e tanti altri sacrifici non avremmo vinto.

A: Ci esercitavamo molto (tutti i giorni la parte tecnica, settimanalmente la parte artistica) e prendevamo lezioni di magia, lezioni di recitazione, lezioni di canto. Il nostro mentore e insegnante di magia è Jeff McBride al quale dobbiamo molto per il nostro sviluppo e successo.

Lo studio finisce mai?

L: No, in realtà per noi non è ancora iniziato. Sento che abbiamo raggiunto solo il 40% del nostro potenziale, anche nei nostri giorni migliori. Dopo ogni performance trovo decine di errori, idee e potenzialità di miglioramento. Abbiamo due figli e non possiamo dedicare molto tempo alla magia. Cerchiamo di compensare provando in macchina e in ogni momento possibile, ma avrei bisogno di due vite da solo, solo per leggere, studiare e capire ogni libro di magia che mi interessa.

A: No, man mano che impari qualcosa su te stesso e sulla tua routine ad ogni spettacolo e, soprattutto nel mentalismo, ci sono sempre sorprese provenienti dai volontari sul palco che presentano nuove sfide e opportunità per imparare e crescere. Immagino che sia questo il motivo per cui amo molto il mentalismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.