Ecco il Warehouse Deck di Antonio Argus

È USCITO IL WAREHOUSE DECK

Disponibile da oggi con offerta lancio il nuovo mazzo per mentalisti

È uscito il Warehouse Deck, il nuovo mazzo di carte creato da Antonio Argus con i contributi di Francesco Busani e Luca Volpe.

Dopo la presentazione in anteprima nella Dealer Room del XIV Congresso Magico di Saint-Vincent, da oggi il mazzo è disponibile per tutti i cultori e i professionisti di mentalismo e magia.

Il Warehouse Deck è dedicato al Warehouse 13, un magazzino misterioso dove, secondo certe fonti, il D.P.A. (Dipartimento per le Attività Paranormali) nascose oggetti con proprietà ritenute soprannaturali.

Le carte rappresentano proprio quegli oggetti e alcuni luoghi e personaggi legati alla storia segreta del Warehouse 13.

Si tratta di immagini ricche di suggestioni, ideali per catturare il pubblico prima ancora di portare a termine il gioco vero e proprio, grazie a presentazioni che preparano il momento magico nel migliore dei modi.

Il mazzo permette di realizzare tante tipologie di effetti diversi, dai più semplici ai più complessi, perciò può essere utilizzato con ottimi risultati sia da chi si è avvicinato da poco all’arte del mentalismo, sia da chi è più esperto o è un vero professionista.

Le istruzioni, pubblicate online e accessibili solo tramite password, riportano tutte le indicazioni per determinare:

  • quale immagine è rappresentata su una carta coperta;
  • di che colore è quell’immagine;
  • se l’immagine è disposta nel verso giusto oppure è rovesciata (elemento utile per una lettura come quelle che si realizzano tradizionalmente con i tarocchi);
  • quale codice numerico compare sulla carta.

Inoltre, le istruzioni contengono tre routine complete davvero efficaci:

  • una routine creata in esclusiva per il Warehouse Deck da Francesco Busani, con uno strumento aggiuntivo da scaricare da Internet;
  • una routine di cold reading nata da un’idea di Luca Volpe, con uno script molto suggestivo;
  • una routine ideata dal creatore del mazzo, Antonio Argus, a partire dalla rielaborazione di un effetto tradizionale, ripensato in base al contesto offerto dalla storia del Warehouse 13.

Per maggiori informazioni e per l’acquisto, si può contattare direttamente Antonio Argus, tramite l’indirizzo e-mail antonio@antonioargus.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.