Recensione: The Trick That CAN Be Explained! di Mark Elsdon #review

Di Giovanni Pescetti

“The trick that can be explained”, “il gioco che può essere spiegato”, è l’ultima idea di Mark Elsdon rivisitazione del classico the “trick cannot be explained” di Dai Vernon.

@giovipesce @markelsdon1 @murphysmagic #daivernon #magic #artofmagic #cardmagic #cards #cardtrick #closeupmagic #illusion #illusionist #instamagic #lecture #magia #magician #magictrick #playingcards #prestigiazione #sleightofhand #stonecutter #streetmagic #magical #smokeandmirrors #mentalism #mentalist #mindreader #mindreading

L’effetto è semplice: il prestigiatore entra in scena, sul tavolino si trovano una busta e un mazzo di carte, spiega che all’interno della busta si trova una carta e che lui non la toccherà fino alla fine. Il prestigiatore chiede ad uno spettatore di prendere il mazzo di carte e di mescolarlo, tagliarlo e, quando ha finito, girare la prima carta che si trova in cima al mazzo. Dopo averla mostrata a tutti e aver mostrato che all’interno del mazzo non ci sono altri duplicati viene aperta la busta, da uno spettatore, al cui interno c’è la medesima carta.

Il titolo è una rivisitazione del classico “the trick cannot be explained”, “il gioco che non può essere spiegato” di Dai Vernon. È un opuscolo di 4 pagine in inglese, il linguaggio è chiaro, da una spiegazione dettagliata del metodo, della preparazione e della performance. L’inglese è semplice alla portata di tutti.

L’effetto è strabiliante, non c’è manipolazione, non ci sono out, il prestigiatore non tocca mai il mazzo, tranne che per mostrare che le carte siano diverse.
Gli angoli sono buoni, la spiegazione precedentemente data crea realmente l’effetto voluto, il mazzo viene dato allo spettatore, è mescolato e successivamente mostrato.

Ritengo che l’effetto sia maggiormente apprezzato da un mago che da uno spettatore in quanto quest’ultimo si può ingannare a prescindere con qualsiasi altro metodo più semplice. Ciò non toglie nulla all’effetto e al metodo che reputo siano affascinanti.

P.S.: qui sotto trovate il trailer con la performance ed un video di domande e risposte con l’autore di ben 30 minuti!

Distribuito da Muphy’s Magic Supplies https://www.murphysmagic.com/Product.aspx?id=62435

English translated by Google. 🇬🇧🇬🇧🇬🇧🇬🇧🇬🇧🇬🇧🇬🇧🇬🇧🇬🇧🇬🇧🇬🇧🇬🇧🇬🇧🇬🇧🇬🇧🇬🇧🇬🇧

“The trick that can be explained”, “the game that can be explained”, is the last idea of ​​Mark Elsdon reinterpretation of the classic “the trick cannot be explained” by Dai Vernon.

The effect is simple: the magician enters the scene, an envelope and a deck of cards are on the table, he explains that inside the envelope there is a card and that he will not touch it until the end. The magician asks a spectator to take the deck of cards and mix it, cut it and, when it is finished, turn the top card on top of the deck. After showing it to everyone and showing that there are no other duplicates inside the deck, the envelope is opened by a spectator, inside which there is the same card.

The title is a revisitation of the classic “the trick cannot be explained”, “the game that cannot be explained” by Dai Vernon. It is a 4-page booklet in English, the language is clear, from a detailed explanation of the method, preparation and performance. English is easy for everyone.

The effect is amazing, there is no manipulation, there are no outs, the magician never touches the deck, except to show that the cards are different.
The angles are good, the explanation given above really creates the desired effect, the deck is given to the viewer, is mixed and subsequently shown.

I believe that the effect is more appreciated by a magician than by a spectator as the latter can be deceived regardless of any other simpler method. This does not detract from the effect and method I consider to be fascinating.

P.S .: below you will find the trailer with the performance and a video of questions and answers with the author of 30 minutes!

Distributed by https://www.murphysmagic.com/Product.aspx?id=62435

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.