Running Gag… Una battuta che corre?!?!

Non so come tradurre “running gag” dall’inglese, in pratica e’ una battuta che non viene “risolta” subito, ma che viene mantenuta in sospeso, un po’ come un tormentone…

Cerco di spiegarlo meglio, Roland Henning sul suo sito The Weekly Magic Failure ogni tanto scrive cose sensate, e spiega il concetto di “Running Gag” (il post originale e’ su http://weeklymagicfailure.blogspot.com/2013/08/the-power-of-running-gag.html) che sulla carta sembra molto interessante.

L’esempio che fa e’ far scegliere una carta nel mazzo ad un primo spettatore, rimetterla nel mazzo, poi dire che la carta e’ nella propria tasca, ma invece si tira fuori una carta diversa, il mago la mette via e procede con il primo effetto. Finito il primo effetto il mago dice che troverà la carta del primo spettatore, fa apparire in qualche modo una carta (di nuovo prendendola in un’altra tasca), ma anche quella e’ sbagliata. Il mago procede con il secondo effetto, etc…. fino a che alla fine dello spettacolo il mago fa apparire la carta selezionata dal primo spettatore in un modo molto spettacolare.

E’ come se un effetto multi fase fosse diviso in più pezzi, e questi pezzi distribuiti durante gli altri effetti della routine, come una specie di collante / intermezzo per evitare o rendere più interessanti le pause.

Potrebbe essere utile per la vostra prossima routine?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.