#Recensione “Telepathic X-Ray Visions” di Biagio Fasano

E’ uscita la nuova fatica di Biagio Fasano, in arte B Magic “Telepathic X-Ray Visions” cito testualmente la descrizione del contenuto dell’ebook: “Telepathic X-Ray Visions è una completa routine di Mentalismo divisa in 4 fasi indipendenti, in cui l’illusionista dispone tre bicchieri di plastica, non trasparente e di diverso colore, e sotto ad ognuno pone una fiche del medesimo colore.
Mentre il mentalista sarà voltato, lo spettatore sceglierà segretamente una delle tre fiche colorate, e in tre diverse fasi di difficoltà crescente, ogni volta il mago, dopo aver fatto scambiare tra loro alcuni bicchieri e fiche, riuscirà sempre ad indovinare sia la fiche pensata che i colori di ognuna delle tre fiche nascoste sotto ogni bicchiere, l’ultima volta addirittura rimanendo voltato per tutto il tempo, fino alla rivelazione finale!
Infine viene proposto un quarto ed ultimo esperimento in cui lo spettatore dispone a suo piacere i tre bicchieri e, mentre il mentalista volta le spalle, sistema sotto ad ognuno i tre gettoni in qualsiasi ordine lui decida. Ancora una volta incredibilmente l’illusionista, senza mai voltarsi, riuscirà a fare in modo di divinare correttamente il colore di ogni fiche finita sotto ai tre bicchieri.”

Quando ho letto la prima volta queste righe ho immediatamente pensato: il solito vecchio principio matematico applicato in modo più complicato buono solo per stupire gli amici maghi al club. Dopo averlo letto mi sono dovuto ricredere; in effetti sì, si tratta del “solito vecchio principio matematico” che tutti i maghi conosceranno, ma Biagio ha avuto l’intuizione geniale di sfruttarlo per ottenere un effetto (in 4 fasi crescenti) maggiore rispetto al classico; ottimo per il pubblico e le situazioni di lavoro reale, ma soprattutto, la cosa che mi ha conquistato è che è molto più semplice e immediata l’applicazione per il performer: niente più reverse engineering per ricostruire le mosse dello spettatore, basta uno sguardo e IMMEDIATAMENTE si potrà fare la rivelazione.

Ovviamente è un effetto che richiede un minimo di memorizzazione, ma si tratta di pochi passaggi a fase e tutti perfettamente logici (e molti uguali a quelli della fase precedente), quindi lo sforzo è davvero minimo per un risultato efficace e di impatto.

Bella anche l’idea di proporre una versione “a distanza” dello stesso effetto da fare via web o in situazioni estremamente impromptu, che fa uso di carte da gioco.

Un effetto che mi sento di consigliare a tutti, per ogni livello di preparazione e per ogni stile di presentazione; io sicuramente lo eseguirò al pubblico e agli amici maghi (sperando che nel frattempo non l’abbiano già comprato, visto anche il prezzo ridotto).

Disponibile su https://www.lybrary.com/telepathic-xray-visions-italian-p-924744.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.