Raul Cremona: “Ecco la mia storia, tra una risata e un gioco di prestigio”

L’attore al Manzoni di Milano dal 24 al 26 marzo con “Prestigi”, dove tra un trucco e un personaggio comico, racconta pezzi della sua storia personale

Per la rassegna “Ridere alla grande”, va in scena dal 24 al 26 marzo, al teatro Manzoni di Milano, “Prestigi”, spettacolo di Raul Cremona in cui magia e comicità si fondono in un racconto che percorre a ritroso la storia dell’attore. “Ci saranno i miei personaggi storici – spiega Cremona a Tgcom24 -, ma rispetto al passato ci sarà più spazio per i giochi di prestigio e in più ho tentato di mettere in piedi una vera e propria storia”.

Raul Cremona: “Ecco la mia storia, tra una risata e un gioco di prestigio”
Un po’ incantatore, un po’ attore, un po’ commediante, un po’ ciarlatano, ma soprattutto mago! Raul Cremona entra nel tempio della prosa milanese per la prima volta con il suo mondo fatto di giochi, macchiette, boutades, canzoni e stralunati personaggi con il suo cilindro pieno di magie e incanti, storie di imbroglioni e imbonitori nati da quel teatro povero di cui è figlio eccellente. “E’ una bella sfida – dice lui -. Il problema grosso di trovarsi davanti una platea abituata alla prosa è che o la becchi subito all’inizio o altrimenti diventa un gelo tremendo. Quelli che fanno one-man show come me spesso fanno leva sul pubblico: se riesci a coinvolgerlo non ci sono problemi, ma altrimenti può essere molto difficile. Ma sono sicuro che andrà bene”.

In questo spettacolo hai messo dentro molto della tua storia personale?
Rispetto al passato c’è il tentativo di raccontare una storia, millantare delle origini. Parlo di me, delle mie radici. Il mio bisnonno in fondo era un clown, quindi sono un figlio d’arte alla lontana. E in questo modo narro la storia dello spettacolo popolare che, tra l’altro, è molto vicino allo spettacolo dei giochi di prestigio che ho sempre praticato. Ma non mancheranno alcuni miei personaggi storici che chi mi segue vuole vedere.

La magia per te resta una grande passione?
Di più, è una vera malattia. Ho cominciato da lì e alla fine ci torno, come si fa con le cose che ci divertono di più. Io sono nato prestigiatore. Dopodiché ho sposato la magia con la comicità e infine ho fatto personaggi comici e basta. In questo spettacolo c’è più magia rispetto ai miei show precedenti.

E’ più complicato preparare uno spettacolo a metà tra comicità e magia rispetto a un classico show di cabaret?
Dico sempre che il prestigiatore comico è come il clown che sul filo suona “Il volo del calabrone”. La gente ride perché perde l’equilibrio e intanto non fa caso al fatto che sta suonando un pezzo di virtuosismo musicale. Qui è un po’ lo stesso: con leggerezza, con risate, intanto accadono delle cose. Un orologio o un anello spariscono per ritrovarsi in luoghi impensati. Quando esci dal teatro ci ripensi e dici: ma come ha fatto a fare questo e quello?

PER INFORMAZIONI
TEATRO MANZONI
Via Manzoni 42 – 20121 Milano
Tel. 02.763.69.01
Fax 02.760.054.71
mail: info@teatromanzoni.it

fonte http://www.tgcom24.mediaset.it/spettacolo/2014/notizia/raul-cremona-ecco-la-mia-storia-tra-una-risata-e-un-gioco-di-prestigio-_2034512.shtml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.