“Lo Scrigno dei Giochi” di Gianfranco Preverino #Recensione

Di Biagio Fasano

Da amante della cartomagia semi-automatica e matematica quale sono, non potevo che essere curiosissimo di vedere l’ultimo grande progetto di Gianfranco Preverino che, dopo aver pubblicato un libro come “l’Arsenale, interamente dedicato al mazzo mnemonico e alle routine e giochi che se ne possono trarre, ed “il Mazzo Plurieffetto”, uno speciale mazzo di carte, da lui ideato rielaborando ed ampliando idee precedenti, in grado di consentire l’esecuzione di tantissimi effetti “vecchi“ (inteso nel senso migliore del temine, i grandi classici della cartomagia) e nuovi, ha deciso di dedicare uno studio approfondito su ben 3 DVD (disponibili anche separatamente e in Digital Download), ognuno dedicato a 3 tipologie di preordinamenti del mazzo : il SI Stebbins, il Mazzo Simmetrico ed il Mazzo a Specchio.

Mentre il primo tipo di mazzo è conosciuto dalla maggioranza dei prestigiatori (che però non necessariamente sono a conoscenza di tutte le sue incredibili proprietà), meno noti potrebbero risultare gli altri due. Quello Simmetrico, forse anche per il fatto che questa definizione è stata coniata da Gianfranco medesimo, abbraccia nel suo insieme anche il Si Stebbins, pur non conservandone tutte le peculiarità. Qui semplicemente le prime 26 carte seguono la medesima disposizione delle successive 26 carte gemelle, ad es. se la prima carta è il 2 di Quadri, il 2 di Cuori sarà 27o, e se il Fante di Picche è 13o, quello di Fiori sarà 39o … Il Mazzo a Specchio infine è un mazzo palindromo, ossia disposto in un ordinamento per il quale la prima e l’ultima carta sono gemelle, così come la seconda e la penultima…. fino alla 26° e 27°, pure loro dello stesso colore e valore.

È importante dir subito come si noti quanto Gianfranco abbia studiato a fondo e dedicato tantissima ricerca e tutta la sua creatività per ognuno dei tre argomenti, fornendo per ciascuno sia una prima parte analitica, dove elenca le numerose proprietà e particolarità di questi mazzi (ma attenzione: troverete pure qualche “easter egg”, ossia alcune sorprese per le quali vi sconsiglio di saltare queste parti magari meno immediate, in grado di ricompensarvi del minimo sforzo in più richiesto) per arrivare poi alla parte degli effetti e delle routine che sfruttano appieno i punti precedenti.

Pur credendo di conoscere già gli argomenti trattati, non ho mancato di scoprire alcune interessantissime proprietà che ignoravo, come ad esempio la possibilità di utilizzare il primo tipo di mazzo per forzare un numero (utilizzato per es. nel relativo DVD per un book test), e la varietà di utilizzi che ne viene proposta per ognuno è talmente vasta da essere certo che tutti potranno cogliere qualcosa di inaspettato e trovare effetti di loro interesse. Proprio riguardo a questi ultimi, mi ha stupito la cura e la precisione che l’autore dedica, al termine di quasi tutti i giochi (le uniche, poche eccezioni sono per alcune routine o grandi effetti conclusivi,) al ripristino del preordinamento del mazzo, in modo da favorire la possibilità di riunire e concatenare gli effetti dei vari volumi in routine dettate dai gusti personali di ognuno, e del proprio pubblico. In tal senso è lodevole l’idea di spiegare come passare facilmente da un mazzo simmetrico ad uno a specchio, anche all’interno di uno o più degli effetti descritti.

La varietà degli effetti presentati, trattandosi pur sempre di cartomagia, è decisamente ampia e per ognuno di essi Gianfranco fornisce una presentazione a tema in grado di intrigare il pubblico, a volte accompagnando il mazzo di carte a dadi, campanelle o altri piccoli oggetti che possono ulteriormente destare interesse, ma sempre giustificati dal tipo di presentazione fornita.

Il livello di conoscenza e tecnica cartomagica richiesta non è particolarmente elevato, seppure si spazi da giochi automatici ad altri per i quali saranno richiesti dei miscugli faro e, in un’occasione, il falso miscuglio Zarrow. In ogni caso è sempre fortemente consigliato saper eseguire dei falsi miscugli e almeno un falso taglio, per poter togliere del tutto al pubblico l’idea che si utilizzi un mazzo preparato (alcuni di questi vengono brevemente illustrati all’interno dei 3 DVD).

Durante le varie fasi di spiegazione, per ogni effetto o principio illustrato, si è avuto cura di dare verbalmente i riconoscimenti e crediti agli autori a cui sono ispirati, grazie anche alla presenza di varie “guest star” intervenute durante le registrazioni, tra le quali Diego Allegri, Aurelio Paviato e Silvia Lollins.

Inoltre l’autore conclude il suo lavoro con un importante capitolo dedicato a spiegare la possibilità e gli svariati modi con i quali si possono concatenare in una routine personale i vari effetti illustrati nei tre DVD. Se mi è consentito muovere un solo piccolo appunto, da amante del vecchio mondo analogico, avrei forse preferito che il supporto del DVD fisico avesse il classico formato ISO che ne consentiva la visione anche sui lettori domestici, essendo dotato di un MENU di scelta che rimanda direttamente ai vari e numerosi capitoli, piuttosto che le cartelle ed i file MP4 che nell’era digitale oramai caratterizzano ogni DIGITAL INSTANT DOWNLOAD. Tuttavia riconosco come questi siano molto più pratici, anche per consentirne l’archiviazione e la visione da pc o tablet.

In conclusione, ho trovato questo “Scrigno” molto interessante, ben realizzato e ricco di idee, effetti e routine davvero degni di nota, sempre in grado di intrattenere il pubblico e sorprenderlo; proprio per questo sono sicuro che alcuni giochi potrebbero entrare direttamente a far parte del bagaglio di altri professionisti.

Ringrazio Gianfranco Preverino per l’amore, lo studio e la cura che ha dedicato a questo suo nuovo progetto cartomagico e non vedo l’ora di poterlo rivedere dal vivo in conferenza per presentarlo nei Circoli Magici.

Disponibile su AssoKappa https://www.assokappa.it/ak-production/lo-scrigno-dei-giochi-di-gianfranco-preverino.html

Andrea Clemente Pancotti

Principalmente sono io Andrea Clemente Pancotti: infanzia rovinata dai fascicoli di “STUPIRE!” di Carlo “Mago Fax” Faggi. Abbandona l’Arte per poi riscoprirla alla soglia degli ‘anta.“. Ora il team si e’ allargato, siamo comunque un gruppo di amatori, seriamente innamorati della Magia…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.