Il Grande Bustelli, intervista alla regista Francesca Bellucci

Chi e’ la regista Francesca Bellucci.

Francesca Bellucci sviluppa la passione per la musica che la porta ad inizare lo studio del pianoforte all’età di sei anni e del canto leggero a dodici. Conseguita la maturità classica parte alla volta di Roma, dove consegue la laurea Specialistica in Critica Cinematografica con 110 e lode. Il cinema diventa la sua grande passione ed a venti anni scrive, sceneggia e gira il suo primo cortometraggio, selezionato dalla Scuola Nazionale di Cinema Centro sperimentale di Cinematografia, Sezione Regia. Da quel fatidico 2001, inizia una proficuoa produzione di opere, caratterizzata da uno humour nero e da una forte influenza di grandi autori italiani e non, tra cui Allen, Lynch Pasolini. Nel 2004 vince il primo premio del concorso “Racconti del Salento” con il corto etno – antropologico “Ri-morso”. I suoi corti saranno proiettati in svariate manifestazionei tra cui “Autogrill al cinema”, “La città in Corto”, “Trani Film Festival”, saranno segnalati dalla critica in altre, “Festival Unishort 2007” e “Verbicaro festival 2007”. Si Diploma nel 2006 in regia e montaggio digitale presso la Digital Desk, che produce il corto “Atto Unico: il concetto di calma” e la vuole come segretaria di produzione per il film “H2Odio” di Alex Infascelli e come assistente alla regia del film “Chi nasce tondo”, regia di Alessandro Valori, con Valerio mastrandrea. Inizia una proficua carriera come aiuto regista per svariate produzioni, tra le quali film indipendenti per la 01Cinema, cortometraggi prodotti tra gli altri da Oz Film, Straight to Video, Rai, Film Master Television e numerosi videoclip di artisti emergenti e non. Inoltre cura la produzione e organizzazione di puntate zero per fiction di Sky, quali “Bed and Breakfast”, “La maggiorre Età” prodotta da Ruvido Film per Fox. Segue l’edizione di trasmissioni televisive quali “La Posta del Cuore” di Remo Remotti e svilupperà un proficuo rapporto con la propria terra d’origine, la Puglia, ed il cinema pugliese. Si classifica al settimo posto nella graduatoria 2011 del “Progetto Memoria dell’Apulia Film Commission” con la sceneggiatura “Mi Chiamo Vittorio Bodini”. “Il Grande Bustelli” è il suo settimo cortometraggio. E’ in produzione il suo primo film come regista.

Come nasce il progetto? Perchè Bustelli?

Bustelli nasce nel 2007 da un suggerimento del padre del prestigiatore, amico di vecchia data, Alessio Masci, che ci disse che questo noto mago del firmamento prestigiatorio degli anni Trenta era nativo della Tuscia viterbese, zona d’origine di Alessio, mi venne così l’idea di girare un cortometraggio anni Trenta proprio su Bustelli, con Alessio come interprete (non conosco manipolatori di carte italiani più bravi di lui).

Ho visto che i soldi sono arrivati da una miriade di sponsor locali, ma il crowfunding di Produzioni dal Basso funziona? ha funzionato? e’ ancora attivo? come e’ stata questa esperienza?

Allora… gli sponsor che vedi sul sito sono solo in comarketing, cioé in scambio di servizi (cene gratis, pernottamenti e varie), così trovandoci senza soldi liquidi (e per fare un corto un po’ ci vogliono…) abbiamo pensato al crowdfunding. Produzioni dal basso è un ottimo sito, ben organizzato che dà la possibilità, trasparente di monitorare le entrate di soldi, soprattutto da parte di chi voglia investire.

(Visitate il sito Produzioni dal Basso ed aiutate il progetto! http://www.produzionidalbasso.com/pdb_1386.html)

Masters of magic: che rapporti avete? c’e’ stato supporto e come si e’ manifestato?

Walter Rolfo è un amico nostro e posso dirlo un sostenitore della nostra iniziativa. Ci supporta, sopporta ed ascolta e non mi sembra poco… specie io e la mia logorrea! Lo ammiro molto e lui lo sa. Siamo grati ed orgogliosi che ci abbia aiutato e dato il marchio per la nostra iniziativa.

A che punto e’ la produzione? avete già girato? ci sono foto di scena, filmati visionabili?

Come sopra siamo ancora in fase di raccolta fondi… però! Abbiamo creato un talent di 4 mesi in giro per la Tuscia, patria di Bustelli, per raccogliere ulteriori fondi (poi rivelatisi un po’ scarni…), chiamato MAGIC CAMPUS 2012 di cui ti linko il teaser e le foto. Pensa che durante la prima serata avevamo in giuria SILVAN, REMO PANNAIN, FRANCO SILVI… e personaggi del cinema. Il premio assegnato a SOPINO E MELANIA è stato appunto Cinema e Magia.

Che dirti? Si sono sfidati 11 maghi, abbiamo avuto in giuria 13 esponenti della magia e dello spettacolo, 4 mesi di tour, più di 1000 spettatori… insomma… da cosa nasce cosa…

Come verrà distribuito? come sarà possibile vederlo? fate un giro di conferenze/proiezione in giro per i circoli magici?

Il Grande Bustelli girerà tutti i maggiori festival internazionali e sarà in prima serata su RAI5, grazie a Masters of Magic!

Il rapporto tuo, Francesca, con la magia / illusione?

Il cinema è magia. Io amo il cinema. Ergo… 😉

Qui sotto potete vedere il corto girato nel 2005, prodotto da DIGITALDESK Pier Giorgio Bellocchio e Andrea Marotti, dal titolo ATTO UNICO: IL CONCETTO DI CALMA, diretto da Francesca ed interpretato da Alessio Masci, la sua opera prima, in cui viene già sviluppato il concetto della magia.
E’ la storia di un prestigiatore che si taglia con una carta in scena e…. cosa farà???

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.