sabato, Marzo 2, 2024
Recensioni

“Dynamo is Dead” su Sky Max: una #recensione su un #mago che si seppellisce vivo – la #TV è mai stata così drammatica?

“Dynamo is Dead” su Sky Max: una recensione su un mago che si seppellisce vivo – la TV è mai stata così drammatica?

In attesa di poter vedere Dynamo is dead (Dynamo è morto) il nuovo speciale di Dynamo su Sky anche in Italia, ecco la recensione del sito inglese “The Standard” tradotta in italiano.

Con questa pericolosa acrobazia, il mago ha salutato il suo alter ego

Il famoso mago Dynamo, alias Steven Frayne, ha già camminato sull’acqua e levitato su grattacieli. Per il suo prossimo trucco, ha deciso di seppellirsi vivo in diretta TV. Per quanto riguarda gli agganci, è abbastanza irresistibile.

Come Dynamo, ha fatto il tutto esaurito in spettacoli in tutto il mondo con le sue straordinarie prodezze magiche, ma, dice, “come Steven Frayne, a volte facevo fatica ad alzarmi dal letto al mattino.” Questa sepoltura in diretta (niente meno che all’Angel of the North) dovrebbe simboleggiare il superamento dei suoi demoni e la rinascita come Steven, non Dynamo.

E non ha bisogno di dircelo, ma è una delle acrobazie più pericolose che abbia mai tentato. Inizialmente, però, passa un po’ prima che ci sia una vera e propria sepoltura – apprendiamo rapidamente che Dynamo non sarà nemmeno in una bara – perché la maggior parte dello speciale ruota attorno a varie chiacchierate.

Questo significa dire ciao a un numero davvero incredibile di ospiti celebri, tra cui Cara Delevingne, lo skateboarder Tony Hawk e persino i Coldplay. Tutti fanno una visita, uno per uno, per dispensare le loro perle di saggezza su tutto, dalla gestione della salute mentale (Tyson Fury) al restare anche quando non ti senti voluto (Coldplay… ouch).

È tutto benissimo – e ovviamente, c’è tempo anche per inserire qualche trucco di magia – ma assume un tono un po’ strano. Un momento, scherza con un allegro Pete Davison (che questo intero spettacolo fosse un duo Dynamo e Pete sarebbe fantastico); il momento dopo, si apre riguardo al suo trauma. È sensibile e coinvolgente, ma dà anche allo spettatore una vaga sensazione di mal di testa.

A due ore, tutto questo rende l’intera cosa piuttosto formulare: chiacchierata profonda, trucco divertente, ripeti. Certo, guardare qualcuno esclamare “Oh mio Dio!” mentre Dynamo fa apparire farfalle dal nulla o fa un bel po’ di lettura della mente non diventa mai noioso… fino alla decima volta. A quel punto sembra un po’ auto-indulgente.

Fortunatamente, le cose iniziano a surriscaldarsi quando parte il conto alla rovescia per la sepoltura. A questo punto, la porta girevole di celebrità diventa più una marcia di condanna. L’illusionista Jonathan Goodwin spiega che “più persone sono state uccise seppellite vive [di qualsiasi altra acrobazia]… Houdini ci provò e fallì. Questa è una delle cose fisicamente più impegnative che penso sia possibile per un altro essere umano fare.” Infatti, l’acrobazia che sta tentando non è mai stata fatta prima. Mai (anche se il fatto che io stia scrivendo questo lascia intendere che tutto è andato come previsto).

Nessuna pressione, quindi – ed è affascinante vedere come Dynamo inizia a prepararsi per questa ultima acrobazia: misurando il tasso con cui il suo corpo consuma ossigeno, facendo prove. E naturalmente la natura della trasmissione in diretta ha reso l’intera cosa ancora più avvincente da guardare.

Infatti, ho trovato molto difficile; sono impressionato che Sky sia stato coraggioso abbastanza da permetterlo. Quindi ce l’ha fatta? Spoiler… beh, non stai leggendo resoconti di uno spettacolare successo di un mago che finisce tragicamente male, quindi ti dà un’indicazione. Vederlo finalmente strisciare fuori dalla tomba (l’intera cosa dura solo cinque minuti, ma sono tensionanti), fa tirare un sospiro di sollievo all’intero corpo.

Valeva la pena, allora? Certamente, Dynamo sembra pensarla così: per lui, questo è l’addio all’alter ego che ha portato per così tanto tempo, e il benvenuto a essere di nuovo Steven. Sì, sembra che Dynamo, come personaggio, non esista più. Cosa significa per Steven Frayne? Sarà intrigante scoprirlo.

Per le celebrità coinvolte, questa è stata un’occasione per vedere la magia da vicino (perché, ammettiamolo, è per questo che siamo qui). Alla fine della giornata, però, si tratta di qualcosa di più grande, almeno per il mago.

“Spero che parti di questo viaggio vi abbiano aiutato a sentire a vostro agio nel essere voi stessi”, dice al pubblico verso la fine, avendo parlato di tutto, dai suoi tentativi di mettere fine alla sua vita, alla ritrovata gioia nel suo mestiere. Un obiettivo degno e una TV davvero tesa, anche se alla fine è stata un po’ altalenante.

Andrea Clemente Pancotti

Principalmente sono io Andrea Clemente Pancotti: infanzia rovinata dai fascicoli di “STUPIRE!” di Carlo “Mago Fax” Faggi. Abbandona l’Arte per poi riscoprirla alla soglia degli ‘anta.“. Ora il team si e’ allargato, siamo comunque un gruppo di amatori, seriamente innamorati della Magia…

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.