Blog: Disperdere o Perdere?

Mi rifaccio ad un post apparso sul forum MagicSchool.it:

Onanismo Cartomagico… Ho un “busillis”… sento tante persone dire “disperdo la carta nel mazzo”, e suona alle mie orecchie davvero male… Onan “disperdeva il seme”… che la cosa sia indicativa?

Leggi tutto su http://www.magicschool.it/magicschool/viewtopic.php?t=5886

Effettivamente “Disperdere” vuole dire: Separare gli elementi di un gruppo allontanandoli dal luogo in cui si trovano e mandandoli in varie direzioni; sparpagliare. Spargere, gettare, buttare via.

Non credo dunque che la frase “Disperdo la carta che hai scelto nel mazzo” sia corretta, potrebbe esserlo nel caso che si “disperdano” più carte, come un poker d’assi, ma sicuramente non con con la carta singola. Poi il riferimento biblico e’ così forte…

« Giuda scelse per il suo primogenito Er una moglie, che si chiamava Tamar. Ma Er, primogenito di Giuda, si rese odioso agli occhi del Signore e il Signore lo fece morire. Allora Giuda disse a Onan “Va’ con la moglie di tuo fratello, compi verso di lei il dovere di cognato e assicura così una posterità a tuo fratello”. Ma Onan sapeva che la prole non sarebbe stata considerata come sua; ogni volta che si univa alla moglie del fratello, disperdeva il seme per terra, per non dare un discendente al fratello. Ciò che egli faceva era male agli occhi del Signore, il quale fece morire anche lui. » (Genesi 38,6-10)

Anche un altro uso di “disperdere” e’ molto forte, quello nella frase “disperdere le ceneri di un defunto”.

Quindi, a mio avviso, non usate più il verbo “disperdere”, qualunque altra cosa va meglio, come “mischiare la carta nel mazzo”, “perdere la carta nel mazzo”, “ora il Fato deciderà in modo oscuro e misterioso dove la tua carta da giuoco andrà a giacere in codesto mazzo di carte”.

Ma non fate un coito interrotto con il mazzo di carte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.