Reportage dal 134° Congresso Internazionale del Club Magico Italiano ad Abano Terme

Anche quest’anno il congresso magico di Abano Terme non ha deluso le aspettative, tra conferenze, spettacoli e momenti esilaranti.

Partiamo dalla prima giornata con il 61° focus group del CMI College, cui ho partecipato per la prima volta, in cui Starman, Shezan e Christopher Castellini hanno raccontato le loro esperienze al FISM in Corea. Ospiti d’eccezione sono stati Tony Montana, Xavier Tapias e May Closa, Priska Walther e Jason Latimer che hanno raccontato la loro visione della magia e le loro esperienze più importanti in questo campo. La giornata si è conclusa con la cena di gala seguita da uno show con protagonisti Maxim, Tiziano Cellai e Jabba. Serata presentata da Elena Frigo che è incappata in alcuni strafalcioni: si è erroneamente convinta che il CMI abbia 134 anni di vita, quando invece ne ha molti di meno ed è alla 134esima riunione solo perché all’inizio se ne facevano quattro o cinque all’anno, per chiudere in bellezza declassando Anna Loria da moglie a figlia del presidente del CMI Gianni Loria.

Il secondo giorno si è aperto con la conferenza del francese Jean Merlin, maestro della magia con le corde, che non ha mancato di prendere simpaticamente di mira i ritardatari. Nel pomeriggio protagonisti sono stati Raul Cremona e Tony Montana con le loro conferenze mentre la sera si è svolto il gala di close up che ha visto alternarsi in tre sale diverse Sergio Starman, Antonio Romero, Adrien Quillien, Jean Merlin, Jason Latimer e Tony Montana.

Il sabato è stata la volta dei concorsi da scena e da close up che hanno occupato l’intera mattinata. I due protagonisti più chiacchierati, nel bene e nel male, sono stati un concorrente che ha portato in scena la giornata magica di un pulcino e un indiano che si è esibito in una mirabolante performance di manipolazione e ha concluso sparendo dal palco e ricomparendo tra il pubblico. Il pomeriggio ha visto le conferenze di Antonio Romero che ha spiegato dettagliatamente il congegno che gli ha permesso di vincere un premio Fism nella categoria Invenzioni e Jason Latimer che ha raccontato del suo progetto museale a tema magico volto a risolvere il grosso problema della disinformazione via internet. La giornata si è conclusa con il gala di scena presentato dai Lucchettino con protagonisti Geon-Ho Lee, Tony Montana, Shezan, Nestor Hato ed Erix Logan.

La domenica mattina si è svolto l’esilarante concorso di improvvisazione, ideato e condotto da Alain Iannone, in cui alle squadre veniva consegnata una busta contenente degli oggetti e i partecipanti avevano dieci minuti di tempo per preparare con quegli oggetti una performance di magia: per la cronaca la gara è stata vinta dalla squadra “Gli Stronzi”, capitanata da Tony Montana e Adrien Quillien. Sono seguite le premiazioni dei concorsi: nel close up hanno vinto Ernesto Planas, terzo premio, e Francesco Fontanelli, secondo premio, mentre il primo premio non è stato assegnato. Nella scena il terzo premio è andato pari merito ancora ad Ernesto Planas e al trasformista YaYang Bang, il secondo pari merito alla coreana Luna e al giovane italiano Vegas (Gabriele Verzolla) e il primo all’indiano che scompare, Dhaya.

Insomma, quattro giorni di magia a 360 gradi che non vediamo l’ora di rivivere… al prossimo anno!

Di Giulia Galliano Sacchetto

Risultati dei concorsi: Micromagia Closeup 3 Ernesto Planas (Italia) 2 Francesco Fontanelli (Italia) 1 Non assegnato – Scena 3 Ernesto Planas (Italia), yayang bang (south Corea) 2 Vegas (Italia), Luna (south Corea) 1 Dayha (India) – Bacchetta d’oro non assegnata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.