Minimalistica di John Carey, recensione / review

English review is here https://onthemagiciansbookshelf.blogspot.com/2018/06/minimalistica-by-jonh-carey.html

“Minimalistica” di John Carey è il secondo libro di Cartomagia dell’inglese John Carey, pubblicato alla fine del 2015.

Ho colto l’occasione per comprare questo libro di John (aveva un’offerta sul suo sito web) insieme ad altri due libri “Carey Files” e “Me, My Cards and I”.

Avevo familiarità con il suo lavoro, perché ho già il suo primo libro “Crafted with Carey”. Quando ho iniziato a leggere “Crafted with Carey”, me ne sono immediatamente innamorato perché la magia descritta all’interno è pratica, potente e fattibile.

Anche “Minimalistica” ci dà questa sensazione perché ogni effetto all’interno è stato creato pensando al pubblico profano.

John segue il formato del suo libro precedente e include anche il lavoro dei suoi buoni amici. Troverai oltre cinquanta miracoli con le carte di John e undici di: Tom Dobrowolski, Patrick Redford, David Gemmell, Shaun McCree, J.K.Hartman, Paul Gordon, Pablo Amira, Ben Blau ed una parte speciale finale curata da Shannon Clark.

Gli effetti sono facili da capire, scritti bene su una o due pagine. Alcuni effetti richiedono la stessa tecnica. Ogni effetto è accompagnato da una piccola opera d’arte sul lato sinistro della pagina e talvolta accompagnata da illustrazioni di tecnica di Phillip Smith.

Gli effetti scritti dagli ospiti sono in poche pagine con descrizioni dettagliate.

Nella prefazione Mick Wilson scrive:

“C’è un abbondanza di spunti di riflessione in queste pagine. Anche se non si esegue mai un singolo effetto come descritto, i metodi e le sottigliezze sono forti da essere presi e utilizzati per aggiungere ulteriore stupore o per migliorare gli effetti che già esegui. ”

Quindi, se sei alla ricerca di piccoli miracoli di carte e non vuoi passare molto tempo a occuparti di complicati giochi di prestigio, questo libro è giusto per te.

Personalmente preferisco leggermente “Crafted with Carey”, ma “Minimilistica” è un bel libro e sono felice di averlo nella mia piccola collezione.

Non vedo l’ora di leggere le future opere di John Carey.

Minimalistica, 275 pagine, copertina rigida, con illustrazioni in bianco e nero.

Di Saša Gerber

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.