Il Mago Forest a Montalto Dora TO, 12/04/2013

Le esilaranti gags del mago Forest a Montalto Dora

Con lo spettacolo “Mr. Forest Show” approda all’Anfiteatro comunale Angelo Burbatti di Montalto Dora, venerdì 12, ale 21, il mago più scalcinato e improbabile del mondo dello spettacolo, Michele Foresta, in arte Mago Forest

MONTALTO DORA. Con lo spettacolo “Mr. Forest Show” approda all’Anfiteatro comunale Angelo Burbatti di Montalto Dora, venerdì 12, ale 21, il mago più scalcinato e improbabile del mondo dello spettacolo, Michele Foresta, in arte Mago Forest, già noto al vasto pubblico per le sue apparizioni televisive di “Zelig” (oggi è il conduttore) e nelle trasmissioni con la Gialappa’s Band. Forest, surreale nella sua totale incapacità di portare a buon fine qualsivoglia esperimento magico, fa della propria incompetenza il cavallo di battaglia per scatenare l’ilarità generale, nonostante la serietà con cui affronta le più assurde sfide magiche, cui però si ribellano gli stessi strumenti in sua dotazione, creando situazioni imbarazzanti e paradossali.

Così l’intento di ipnotizzare una banana o i pesci piranha, di tentare folli evasioni nella speranza di emulare il grande Houdini, di piegare i servizi di posate, come richiederebbe la canonica degli spettacoli magici, si traduce sempre in comici fallimenti, mai ammessi dal mago, che per risollevare le proprie sorti ricorre all’invito di straordinarie guest star, del tutto immaginarie e quindi sempre assenti dal palcoscenico (ma descritte fantasiosamente come “la donna più vecchia del mondo, che però vuole inviare la sua mamma” o “l’uomo con il tatuaggio così grande da ricorrere al figlio per i pezzi mancanti”).

Unica vera spalla del prestidigitatore incompetente è il musicista Lele Micò (“pianista con sigaro toscano incorporato, capace di suonare dal vivo in Liguria mentre sta facendo l’amore in Lombardia”), che accompagna i numeri strampalati di Forest, vero one man show e gran mattatore dello spettacolo. Le bizzarre imprese magiche del mago non mancano, attenzione a tutti, di richiedere il coinvolgimento del pubblico in sala, che facilmente potrà passare dal ruolo di collaboratore a quello di vittima del disastroso Forest. Una serata tutta all’insegna del divertimento e della comicità, dunque, in grado di deformare (o forse farci accettare con più allegria) il mondo quotidiano in cui viviamo, attraverso la lente deformante della presa in giro, delle gags e del surreale.

Paola Principe sul sito http://lasentinella.gelocal.it/cronaca/2013/04/09/news/le-esilaranti-gags-del-mago-forest-1.6851448

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.