Houdini e la Musica

Di Roberto Bombassei

Ero ancora bambino quando iniziai a raccogliere francobolli, foto, opuscoli, libri, poster e cimeli dedicati a uno   dei miei “eroi” magici, finché nel 2006, grazie al Comune di San Vittore Olona organizzai la prima mostra in Italia (e forse d’ Europa) dedicata a Lui: Harry Houdini, l’artista che nel primo ventennio del ‘900 stupì il mondo intero con le sue celebri evasioni.

Nessuno, ma proprio nessuno, riuscì ad intrappolarlo in nessun luogo e in nessuna maniera: lui, Houdini, riusciva sempre a liberarsi da qualsiasi costrizione. Alla domanda “qual è il segreto per liberarsi?” Harry Houdini ripeteva sempre: “il segreto delle mie evasioni è il mio cervello”.

Amo Harry Houdini. Ho avuto la fortuna di conoscere alcuni dei più grandi Escape artist dell’ultimo secolo: James Randi, Steve Baker “mr. Escape “, Dean Cunnarson, Mark Cannon, Andrew Basso. Con alcuni di loro ho parlato spesso di cose curiose su Harry Houdini.

E qui di seguito, il legame tra Houdini e la musica.

Harry Houdini conobbe la sua futura moglie Bess nei bassifondi dei dime museum. Lui si esibiva come artista poliedrico, passando da giochi di prestigio al travestimento di uomo scimmia o uomo forzuto, lei era una dolce cantante. Quando si sposarono, Houdini fece incidere sull’anello nuziale la parola “Rosabelle”, titolo della canzone che Bess cantava quando si erano conosciuti.

Amante della musica classica, non perdeva mai occasione quando non si esibiva di partecipare come spettatore di concerti classici. La canzone preferita da Houdini e da lui usata nei suoi spettacoli suonata dall’orchestra era “POMP AND CIRCUMSTANCE”, creata da Sir Edward Elgar.

Nel corso degli anni molti gruppi musicali hanno dedicato ad Houdini canzoni e tributi.

Il brano certamente più celebre è quello realizzato da Kate Bush, celebre songwriter britannica che, nel suo album d’esordio, “The Dreaming”, targato 1982, decise di comporre un pezzo che ricordasse la morte di Houdini, intitolato in maniera omonima. Nel corso della sua lunghissima carriera, Bush ha esplorato campi piuttosto particolari, ricorrendo spesso a sonorità decisamente ricercate e sperimentali

Il gruppo musicale KON KAN ha pubblicato nel 1989 nell’album “move to move “una canzone dal titolo “Houdini “. Nel videoclip, filmati rari originali su Houdini.

Nel 2011 il gruppo FOSTER THE PEOPLE ha pubblicato una canzone nell’album “TORCHES” la canzone dedicata a Houdini

I Dark Moor, band power metal spagnola, ha realizzato il brano “Houdini’s Great Escapade”, dedicato proprio alle famose fughe del celebre illusionista.

In Italia l’artista Beppe Donadio ha pubblicato nel 2011 la canzone “Houdini”

Esiste un a band a Brescia che si chiama Houdini band, in Canada Tre Houdini che fanno jazz.

Il gruppo musicale RED HOT CHILI PEPPERS ha composto il suo album migliore BLOOD SUGAR SEX MAGIC nella casa estiva di HOUDINI A LOS ANGELES.

Si dice infatti che “La band ha cercato di registrare l’album in un ambiente non convenzionale, credendo che sarebbe aumentata la loro produzione creativa. Rubin suggerì The Mansion, una villa alle porte di Los Angeles, dove abitò il mago Houdini; la band accettò. Un team fu ingaggiato per creare uno studio di registrazione e le altre attrezzature necessarie per la produzione nella casa. La band decise di rimanere all’interno della villa per tutta la durata della registrazione dell’album, anche se Smith, convinto che il luogo fosse infestato, si rifiutò di restare. “ 

In Italia il libro scritto da Houdini nel dal titolo “il modo giusto di sbagliare” pubblicato dalla casa editrice ADV porta la prefazione di LORENZO CHERUBINI ALIAS JOVANOTTI. Fu lui che, in una libreria di New York riscopri il libro e, dopo averlo letto, lo consigliò alla casa editrice per la pubblicazione.

Il cantautore Vinicio Capossela ha introdotto nel suo live show “solo” un artista poliedrico che durante lo spettacolo esegue, mentre Vinicio canta, la celebre evasione dalla camicia di forza.

La stessa idea l’ha applicata il cantante Nesli nel 2011   utilizzando Andrew Basso nel corso dei suoi show.

Durante il lock down dovuto al covid19, il leggendario BOB DYLAN ha pubblicato la canzone dal titolo “MURDER MOST FOUL”, un testo della durata di ben 17 minuti. Una frase, “Play it for Houdini spinning around his grave“ è dedicata ad Houdini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.