sabato, Marzo 2, 2024
Cinema e Tv

Ecco tutti i trucchi e i riferimenti magici nella seconda stagione di Good Omens!

Ecco tutti gli incantesimi e i riferimenti magici nella seconda stagione di Good Omens.

La serie Good Omens, alla sua seconda stagione, si basa sul libro di Terry Pratchett e Neil Gaiman dal titolo Buona Apocalisse a tutti! (titolo originale: Good Omens: The Nice and Accurate Prophecies of Agnes Nutter, Witch; riedito in italiano nel 2019 come Good Omens. Le belle e accurate profezie di Agnes Nutter, Strega) ed è un romanzo romanzo fantasy di stampo umoristico apocalittico del 1990.

Good Omens è un racconto soprannaturale incentrato su un angelo e un demone, ma la seconda stagione della serie basata sulla storia di Neil Gaiman e Terry Pratchett contiene anche diversi riferimenti alle arti magiche eseguite da semplici mortali.

Nei vari episodi viene mostrato la passione di Aziraphale per la prestidigitazione. E guardando lo show, si notano diversi riferimenti magici, specialmente nel miniepisodio “Nazi Zombie Flesheaters”, che si trova nel quarto episodio, chiamato in modo meno interessante “The Hitchhiker”.

Ecco il riassunto pieno di spoiler degli Easter egg basati sulla magia trovati nella seconda stagione di Good Omens. Continua a leggere e stupisciti!

Gli Scrittori

Mentre Neil Gaiman e John Finnemore sono accreditati per la scrittura di tutti gli episodi della seconda stagione di Good Omens, il miniepisodio sugli zombi che conteneva la maggior parte dei riferimenti magici della stagione è stato scritto da Andy Nyman e Jeremy Dyson. Oltre a essere uno scrittore e attore, Nyman è anche un mago ben noto, rendendolo più che in grado di inserire più di qualche “Easter Egg” magico.

Will Goldston

Il negozio di magia sulla strada di Londra che gli zombi visitano prende il nome da Will Goldston, un mago del primo Novecento diventato negoziante di magia, autore e editore. Goldston commercializzava persino accessori magici in un negozio a Londra nel 1914, quindi c’è la possibilità che questo negozio sia la versione di Good Omens dei suoi sforzi commerciali.

Il Gioco dei tre gusci (campanelle)

All’interno del negozio di magia, ci sono quasi troppi riferimenti da menzionare, tra cui gli “Anelli Cinesi” e la routine dei “Bussolotti”, trucchi che anche coloro che sono meno inclini alla magia conoscono. Un altro include Aziraphale che menziona di aver ingannato Nefertiti con il gioco delle campanelle, un gioco di fiducia che è un precursore del Three-Card Monte, il gioco delle tre carte,  che risale almeno all’antica Grecia, dove venivano usate gusci di noce e un pisello al posto di una carta segnata.

La Magia Moderna del Professor Hoffman

Aziraphale menziona di essere stato addestrato nell’arte della prestidigitazione nientemeno che dal Professor Hoffman. Hoffman era un vero mago della metà del XIX secolo, noto soprattutto per il suo libro intitolato “Modern Magic”, un tomo completo che istruisce i maghi su come preparare i loro atti per una performance sul palcoscenico. Aziraphale ha una copia firmata del libro, anche se la firma del Professor Hoffman come “The Hoff” è probabilmente un riferimento a una persona più recente che usa quel nome, l’attore David Hasselhoff.

Il Trucco della Moneta di Aziraphale

In un certo punto del miniepisodio, i nazisti non morti cercano di leggere le labbra di Aziraphale attraverso la finestra della libreria. Qui Aziraphale sta eseguendo un trucco con la moneta che è una versione di “Dime and Penny”, una variante del quale è conosciuta oggi anche come “Scotch and Soda”. Il primo trucco sembra avere le sue origini in un trucco del Professor Hoffman nel suo libro “More Magic”, il che ha senso dato che lui è stato l’insegnante dell’angelo.

The Professor’s Nightmare

Il trucco della corda che Pat, il ragazzo nel negozio di magia degli anni ’40 (interpretato dal mago Pete Firman), cerca di suggerire ad Aziraphale è una routine classica che ha ottenuto il suo titolo più noto, “L’Incubo del Professore“, nel 1958. In esso, il mago ha tre pezzi di corda che cambiano da essere di lunghezze diverse a essere uguali. Purtroppo, per Pat, è la sua ultima performance prima che gli zombi nazisti gli mangino il cervello.

Il Bullet Catch

Aziraphale finisce per scegliere “Il Bullet Catch”, un trucco in cui il mago sembra catturare un proiettile sparato da una pistola con i denti o un altro oggetto improbabile come una bottiglia di vetro. Molti considerano l’atto uno dei più pericolosi da eseguire nella magia, il che potrebbe essere il motivo per cui è ben noto anche a coloro che non sono inclini alla magia. È anche vero che i maghi sono morti nel tentativo. Aziraphale menziona uno di loro, quel “tipo cinese”, che è un riferimento a Chung Ling Soo, un mago che in realtà non era affatto cinese, ma nato come William Ellsworth Robinson nel Westchester County, New York. Robinson morì a Londra nel 1918 mentre eseguiva il trucco come Chung Ling Soo. (Va notato anche che il metodo che Aziraphale e Crowley usano non sarebbe in alcun modo sicuro e, forse più importante, probabilmente non funzionerebbe.)

Il Poster Magico di Aziraphale

Per la sua performance come Fell The Marvelous, Aziraphale ha fatto fare un poster magico in stile dell’epoca. Indiscutibilmente i due artisti con i poster magici più famosi sono Thurston e Ionia, e con Fell The Marvelous è più simile a quelli di Thurston.

S.W. Erdnase

Mentre il miniepisodio sugli zombi nazisti ha i riferimenti magici più numerosi, c’è almeno un altro riferimento altrove nella stagione. Nell’episodio cinque, siamo di nuovo ai tempi contemporanei e Aziraphale sta cercando di organizzare un incontro di commercianti per aiutare Nina e Maggie a stare insieme. Per convincere il proprietario attuale del negozio di magia a partecipare, l’angelo lo attrae con una copia firmata e annotata de “The Expert at the Card Table” (L’esperto al tavolo da gioco) di S.W. Erdnase. Questa copia firmata con il vero nome dell’autore (niente meno!) è qualcosa che purtroppo non esiste, ma che qualsiasi studioso di magia sarebbe ansioso di metterci le mani sopra. Il libro del 1902 di Erdnase sui trucchi di destrezza e imbrogli con le carte rimane uno dei migliori libri sull’argomento. L’autore scrisse sotto uno pseudonimo, e la sua identità rimane un mistero, anche se sul numero di settembre 2023 di Genii Magazine presenta una nuova teoria sull’identità dello scrittore.

Busta a Scambio 

Forse il riferimento magico più cruciale nella seconda stagione di Good Omens si verifica alla fine del miniepisodio sugli zombi nazisti, dove Aziraphale sostituisce la foto che il demone Furfur ha di lui e Crowley insieme con un innocuo opuscolo. Questa mossa, in cui sembra che il mago stia mettendo un pezzo di carta in una busta ma, di fatto, non lo fa, è una abilità usata dai prestigiatori e, sembra, anche dagli angeli desiderosi di mantenere intatta la loro amicizia con un demone.

Questi Easter egg conferiscono a uno spettacolo incentrato su due esseri soprannaturali un tocco magico extra. Ha senso che Aziraphale si interessi alle arti magiche più comuni, e ha senso che Crowley tolleri il suo angelo e i suoi hobby. Questi riferimenti mostrano anche che gli sceneggiatori della serie hanno una passione per le forme terrene della magia e hanno svolto il loro lavoro con diligenza per rendere quella parte di questo racconto fantastico il più realistica possibile.

Liberamente tradotto da https://www.tor.com/2023/09/07/here-are-all-the-magical-tricks-and-references-in-good-omens-season-2/comment-page-1/

Andrea Clemente Pancotti

Principalmente sono io Andrea Clemente Pancotti: infanzia rovinata dai fascicoli di “STUPIRE!” di Carlo “Mago Fax” Faggi. Abbandona l’Arte per poi riscoprirla alla soglia degli ‘anta.“. Ora il team si e’ allargato, siamo comunque un gruppo di amatori, seriamente innamorati della Magia…

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.