“Come per magia” Albo di Diabolik (Dicembre 2021)

Ogni gioco di prestigio nasconde un trucco, e nessun mago è disposto a svelare i suoi segreti. Diabolik lo sa meglio di chiunque, essendo a suo modo un illusionista, ma vuole lo stesso scoprire dove è finito il magico anello di Harry Weisz. In allegato un albetto promozionale dedicato a “Diabolik” il film dei Manetti bros. in uscita nelle sale il 16 dicembre.

Maggiori informazioni su https://www.diabolik.it/pubblicazione/Come-per-magia

Il mese dedicato a Diabolik (col film nelle sale dal giorno 16 dicembre) si apre con un inedito dal sapore classico ma anche un po’… magico. Non è la prima volta che Diabolik ha a che fare coi giochi di prestigio, ma qui sarà tutto un po’ diverso. Cosa attenderà il nostro anti-eroe e la sua complice? Su quale clamoroso bottino vorrà mettere le mani?

La storia parte nel Beglait, dove conosciamo l’illusionista houdiniano Weisz. Da lui, si arriva a un collezionista e prestigiatore che mette le mani su un prezioso anello: oggetto che attira immediatamente l’attenzione del Re del Terrore. Ma rubare l’anello in una casa piena di trucchi magici non è semplice; perdipiù l’astuto collezionista ha anche escogitato un piano -tanto semplice quanto sorprendente- per fregare Diabolik, annullando virutalmente ogni possibilità di furto.

E così, in una storia che diventa anche classica eredità da dividere (con dispersione di grandi energie da parte dei due criminali, costretti a tenere d’occhio diversi punti strategici per sapere dove potrebbe finire l’anello…) le sorprese continuano a non mancare.

La retrocopertina è dedicata ad Angie, l’assistente dell’illusionista che vuole essere anche un omaggio all’omonimo personaggio del Martin Mystère di Alfredo Castelli, autore presente anch’egli (in disguise, ma non troppo) come co-protagonista della storia. Tra passato e presente, la storia di questo magico anello attraverserà tutte le pagine, fino alle tavole finali più ricche di azione. Ottima la ricostruzione degli anni ’10 del Novecento, tra abbigliamenti, ambienti e arredamenti.

Il primo numero della sessantesima annata (firmato Gomboli, Pasini e Finocchiaro) è un episodio godibile e leggibile, forse non “fortissimo” ma molto simpatico, specie per la guest star d’eccezione (monsieur Castelli) che autoironicamente si è prestato a diventare personaggio diaboliko; sarebbe potuto/dovuto essere, forse, un ideale starting-point per chi, vedendo il film al cinema, si interesserà del personaggio.

Di certo è un albo molto ben disegnato (Di Bernardo) e dalla trama abbastanza classica (con un tocco di giallo), e quindi assolverà in parte a questo eventuale compito.
Incluso, comunque, un piccolo opuscolo spillato che riguarda proprio la produzione di Diabolik Il film, con curiosità e foto di scena.

Leggi tutta la recensione su https://mikimoz.blogspot.com/2021/12/diabolik-recensione-come-per-magia.html

Andrea Clemente Pancotti

Principalmente sono io Andrea Clemente Pancotti: infanzia rovinata dai fascicoli di “STUPIRE!” di Carlo “Mago Fax” Faggi. Abbandona l’Arte per poi riscoprirla alla soglia degli ‘anta.“. Ora il team si e’ allargato, siamo comunque un gruppo di amatori, seriamente innamorati della Magia…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.