Cerchio nel Grano a Robella d’Asti AT, Giugno 2013.

robellacircle

Da qualche giorno, conosciamo anche il nome di chi l’ha progettato e realizzato; si tratta del tarantino Francesco Grassi (con Francesco hanno lavorato Simone Angioni, Davide Dal Pos, Antonio Ghidoni, Alessandra Pandolfi, Agent Vortex e Agent BOL), uno dei migliori circlemaker del mondo, autore della bibbia sul fenomeno e coordinatore del team che ha lavorato a Robella. (1) Premio per il miglior titolo sull’argomento al giornale online “Taranto Buonasera”, che il 7 agosto scorso ha strillato:

Risolto il mistero. L’alieno? È di Taranto.

All’arte di Francesco — che dieci anni fa mi insegnò a tracciare cerchi nel grano, coinvolgendomi nella creazione di alcune formazioni — ho dedicato un lungo capitolo in La magia dei numeri e un’ampia analisi in Te lo leggo nella mente.

L’altro, immancabile aspetto del fenomeno è l’ondata di aggressività che si scatena quando si svela la paternità di un cerchio. Alcuni rifiutano di crederci — offrendo ai creatori della formazione un ulteriore motivo di orgoglio, dato che solo un’opera di straordinaria qualità può indurre incredulità.

dal sito di Mariano Tomatishttp://www.marianotomatis.it/blog.php?post=blog/20130819

13 pensieri riguardo “Cerchio nel Grano a Robella d’Asti AT, Giugno 2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.