Un mago sul Fiume Kwai

Qualche giorno fa un concorrente del Talent Show / Reality Britain’s Got Talent, Richard Jones, un soldato che esegue numeri di prestigiazione, durante il suo numero di Story Telling Deck (misto ad altri effetti), ha raccontato la storia di Fergus Anckorn (di 97 anni) che e’ stato prigioniero dei giapponesi durante la Seconda Guerra Mondiale ed impiegato proprio nella costruzione della ferrovia che doveva collegare la Birmania alla Thailandia, la stessa che ha ispirato il romando ed il film “Il ponte sul fiume Kwai“.

Richard Jones grazie a questo numero così di profondo dal punto di vista emotivo è il primo prestigiatore che vince una edizione di Britain’s Got Talent.

Fergus Anckorn e’ stato uno dei più giovani ad entrare nel Magic Circle, a 18 anni, e grazie alle sue capacità di illusionista e prestigiatore e’ riuscito a sopravvivere, durante la guerra, nei campi di prigionia e ad aiutare i suoi compagni di sventura.

La sua storia e’ meglio leggerla in inglese sul sito della rivista inglese The Sun, perchè la versione italiana che si trova in rete e’ lacunosa e tradotta male.

Il numero di Richard Jones è quello a cui si dovrebbe puntare, un effetto magico accompagnato da uno storia molto bella ed affascinante, che alla fine porti un messaggio di valore. Forse un po’ troppo “pacchiana” e “televisiva” come esibizione, ma senza dubbio un numero da tenere come esempio.

Richard Jones e Fergus Anckorn Britain’s Got Talent final 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.