“Real illusion”, l’one man show di Gaetano Triggiano tra magia e illusionismo

Dal sito del Corriere Nazionale http://www.corrierenazionale.it/spettacoli/teatro-e-concerti/2013/10/08/news/110691–Real-illusion-l-one-man-show-di-Gaetano-Triggiano-tra-magia-e-illusionismo

“Real illusion”, l’one man show di Gaetano Triggiano tra magia e illusionismo
Un viaggio nella fantasia tra effetti speciali e grandi numeri, al via il 1 novembre da Firenze

Firenze – Un viaggio dentro la fantasia, dove la magia e l’illusionismo si mescolano alla dimensione teatrale tra effetti speciali e narrazione. Dopo tanti successi raccolti intorno al mondo torna in Italia l’artista illusionista Gaetano Triggiano, da molti considerato il David Copperfield, italiano che ha scelto Firenze per il debutto del suo nuovo show “Real Illusion”. Prima tappa della tourneè il Teatro Verdi (il 1 novembre), per poi proseguire a Padova (7 febbraio), a Milano (22 febbraio), a Torino 815 marzo), Bologna (16 marzo) e in altri teatri in tutta Italia (le date sul sito www.gaetanotriggiano.it).

“L’intento di questo spettacolo – racconta Triggiano, che ha collaborato con Serge Denoncourt, regista del Cirque du Soleil – è di scoprire il bambino che c’è in ognuno di noi, portando per mano il pubblico in un viaggio tra la realtà e l’immaginazione, attraverso storie avventurose e naturalmente le più incredibili illusioni”. Nello show, dove è accompagnato da un corpo di ballo e dall’avvincente colonna sonora di Alessio Tagliento, Triggiano propone quattordici grandi illusioni, più divertenti momenti di dialogo con il pubblico. Lo vedremo tagliato in due, in sella a una Harley Davidson che si solleva sul palco, insieme a una donna che vola su una fontana di ghiaccio, con un suggestivo impianto scenico che sorprende il pubblico. “Abbiamo immaginato un luogo surreale, come lo scheletro di una fabbrica abbandonata da Gustave Eiffel sulle nubi, una specie di attracco vittoriano sospeso nei cieli, dove persino Giulio Verne avrebbe potuto agganciare una mongolfiera”racconta il direttore artistico dello spettacolo, Arturo Brachetti.

La passione di Triggiano per la magia e l’illusionismo è nata in un giorno d’estate del 1985, quando suo padre Giuseppe decise di portare l’intera famiglia a vedere uno spettacolo di magia. Fu così che Gaetano scoprì di nutrire per questa forma d’arte una vera e propria passione. E come il celebre collega David Copperfield ha deciso di rendere la magia spettacolare, rinnovandone l’estetica con effetti speciali soprendenti ma senza dimenticare la poesiae l’incanto. ”In Italia ancora oggi manca una cultura specifica per questo genere di spettacolo, l’one-man-show di illusionismo fatto di grandi numeri e una dimensione più teatrale, e con questo tour, come con i precedenti, io cerco di avvicinare il pubblico a un genere che all’estero riscuote un grande successo” spiega Triggiano, spesso applaudito in Canada, in Corea, in Grecia, e che tra novembre e gennaio sarà a Mosca per prendere parte a “Il mago di Oz”, una rivisitazione in chiave di illusionismo del celebre romanzo.

Un pensiero riguardo ““Real illusion”, l’one man show di Gaetano Triggiano tra magia e illusionismo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.