Magic Men, Regia di Erez Tadmor e Guy Nattiv

Un settantottenne ebreo greco, sopravvissuto all’Olocausto, e il figlio rapper chassidico, lontani da molti anni, si imbarcano in un viaggio on the road da Israele alla Grecia per ricercare il vecchio mago che ha salvato la vita del padre durante la Seconda guerra mondiale. L’avventura li porta a fare incontri assurdi, prima di un finale confronto tra padre e figlio che li aiuterà a ritrovarsi.

Fonte http://www.filmtv.it/film/63305/magic-men/

Secondo film del sodalizio artistico di Erez Tadmor e Guy Nattiv, tra le voci più interessanti del nuovo cinema israeliano, “Magic Men” affonda in una storia di famiglia: quella dei nonni dei registi, tornati entrambi nella nativa Polonia nel tentativo di ritrovare i “giusti” che li avevano salvati dall’Olocausto. Vicende simili non sono nuove agli storici e neppure al cinema della Shoah. L’ambientazione greca, nel pieno della recente crisi finanziaria, aggiunge però nuove sfumature ad una commedia che approfondisce con il caratteristico miscuglio di riso e di lacrime l’inesauribile esplorazione dell’identità ebraica.

Protagonista del film è l’anziano Avraham (Makram J. Khoury), scampato all’occupazione nazista di Salonicco, ora membro stimato – seppure ben noto per le sue intemperanze – della comunità ebraica greca in Israele. Il suo ritorno in Grecia per una cerimonia commemorativa si trasforma piuttosto in una surreale odissea crossculturale alla ricerca dell’illusionista che lo aveva nascosto e gli aveva insegnato i suoi trucchi durante la Seconda guerra mondiale. Ad accompagnare Avraham, ateo radicale, è il figlio quarantenne, devoto rapper ultra-ortodosso che vede nel viaggio l’opportunità di sanare le laceranti incomprensioni che li hanno tenuti lontani per anni. La forza del film risiede proprio nella vivace caratterizzazione dei personaggi: il vecchio collerico ma estroverso che rifiuta sdegnosamente il conforto della fede, l’irresistibile musicista chassidico con le sue coinvolgenti fragilità, e a completare inaspettatamente il triangolo la squillo greca che rinnova l’immagine trita della prostituta di buon cuore.

La straordinaria interpretazione di Khoury, l’attore arabo israeliano già interprete di celebri film come “La sposa siriana” e “Munich” di Steven Spielberg, ha guadagnato a “Magic Men” il prestigioso riconoscimento dell’Israel Film Academy. La scelta di affidare la parte di un sopravvissuto ad un artista palestinese ha fatto discutere – e in qualche caso indignare – la società ebraica. Dopo averlo visto sulla scena, tuttavia, non si può che concordare con i registi, che in lui hanno riconosciuto semplicemente “l’uomo giusto nella parte giusta”, scrivendo così una nuova pagina della storia del cinema come strumento di integrazione. Memorabile in questo senso anche la scena in cui Avraham-Khoury sfugge alla violenza antisemita di un gruppo di skinhead.
Scandito da accattivanti momenti musicali, “Magic Men” sviluppa i temi del rapporto padre – figlio e del contrasto tra il credere e il non credere rispolverando la formula collaudata del road movie; ma in entrambi infonde complessità e sentimento, ritrovando la ricchezza e l’incanto del vivere quotidiano.

Fonte http://www.padovaoggi.it/eventi/magic-men-torreglia-22-aprile-2016.html

Magic Men Regia di Erez Tadmor, Guy Nattiv 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.