Come si diventa prestigiatori? Te lo dice Polidoro

Come si diventa prestigiatori? Che qualità servono e quali sviluppa questo hobby? Che consigli si possono dare a chi sogna di avvicinarsi alla magia?

Che qualità servono per fare l’illusionista per hobby?

Credo sia necessaria più che altro una grande passione e tanta pazienza. Se pensiamo che nella storia della magia ha lasciato un segno importante, nel ’600, un uomo come Matthew Buchinger, nato senza braccia e senza gambe, si può capire come ogni difficoltà sia superabile se c’è la passione.

Che qualità sviluppa poi questo hobby?

La pazienza senz’altro, perchè per eseguire in maniera convincente un gioco occorre provarlo e riprovarlo tante volte, davanti a uno specchio magari. Si possono trascorrere ore intere a provare una manipolazione di carte o di monete in modo che un movimento “falso” appaia il più naturale possibile. Si impara ad avere una mente pronta e sveglia, perchè a volte se qualcosa va storto durante un numero bisogna inventarsi su due piedi una via d’uscita senza che il pubblico si accorga che qualcosa è andato storto. E poi in genere aiuta a sviluppare un buon senso critico, perchè ci si rende conto di come sia facilissimo ingannare il prossimo con l’uso delle parole e dell’atteggiamento giusti.

Che consigli daresti a chi vuole cominciare?

Sul web ormai si trova di tutto. Anche troppo. Quando si ha troppo e della qualità più disparata a disposizione, però, diventa difficile capire che cosa sia di valore e cosa no. Il mio consiglio è di partire da qualche libro classico, come Il trucco c’è ma non si vede di Carlo Rossetti, il Corso completo di Magia di Joshua Jay, il Trattato di magia“ di Silvan, Il trucco c’è, che ho curato per il CICAP insieme a Mariano Tomatis (del quale vale la pena leggere anche L’arte di stupire e Te lo leggo nella mente). Per chi riesce a trovarla è ottima anche Stupire, l’enciclopedia in due volumi di Carlo Faggi, ma di suo si trovano anche i Quaderni magici. Per chi vuole trovare facilmente libri e i primi oggetti utili (carte da gioco, tappetini, palline di spugna, ecc…) un buon punto di partenza è “l’angolo magico” nel sito del CICAP. Il CICAP tra l’altro pubblica anche Magia, l’unica rivista in italiano dedicata agli aspetti storici, scientifici e psicologici dell’illusionismo, oltre che all’approfondimento di specifici trucchi. Chi poi vuole frequentare altri prestigiatori, seguire corsi e approfondire in altro modo, esistono in varie regioni d’Italia ottimi club magici, come a Torino, dove si trova lo storico Circolo amici della magia, a Milano, dove risiede il CLAM. E poi esiste a livello nazionale anche il Club magico italiano con sedi in tutte le regioni.

Leggi tutto l’articolo su http://www.massimopolidoro.com/magia-e-illusione/come-si-diventa-prestigiatori-2.html

Un pensiero riguardo “Come si diventa prestigiatori? Te lo dice Polidoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.