Quadrati Magici – Iconografia

La più antica testimonianza a noi pervenuta sui quadrati magici viene dalla Cina nei primi secoli dopo Cristo, e forse addirittura nel IV secolo a.c. Il quadrato 3 × 3 era chiamato LO SHU; nel X secolo i cinesi conoscevano quadrati fino all’ordine 10, oltre a catene di cerchi e cubi magici non perfetti. Nell’Occidente Latino i quadrati magici apparvero nel XIII secolo.

Se ne trova traccia in un manoscritto in lingua spagnola, ora conservato nella biblioteca Vaticana (cod. Reg. Lat. 1283a) attribuito a Alfonso X di Castiglia. Ricompaiono poi a Firenze nel XIV secolo, in un manoscritto di Paolo dell’abbaco ossia Paolo Dagomari, un matematico, astronomo e astrologo che fu tra l’altro in stretto contatto con Jacopo Alighieri , uno dei figli di Dante. Alle pagine 20 e 21 del manoscritto 2433, conservato nella Biblioteca Universitaria di Bologna si trovano infatti un quadrato magico 6×6 e uno 9×9, attribuiti rispettivamente al Sole e alla Luna

Leggi il resto dell’articolo di Roberto Bombassei su Masters of Magic.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.