Lo show di Casanova, il nuovo Houdini Teatro Nazionale

La storia e la magia si prendono per mano, e dove non credono gli occhi forse crederanno le orecchie.

«Il grande segreto di Houdini», ancora per oggi, è al Nazionale (ore 15.30) per lasciare grandi e piccini a bocca aperta. L’illusionista Antonio Casanova, noto per le sue apparizioni (e sparizioni…) a «Striscia la notizia», ha insistito molto per questo «perché – spiega – il fascino della magia perdura nei secoli grazie a loro, ai bambini. Divertirli è la prima missione per un illusionista che si rispetti». Lo spettacolare show interpretato dall’artista ravennate e diretto da Maurizio Colombi propone «cose mai viste»: «Faccio apparire un elicottero in scena, volo insieme a mia moglie sulle teste degli spettatori seduti in poltrona. E soprattutto ripeto il leggendario numero di Houdini, la Grande Pagoda della Tortura Cinese, quello che chiuse la sua parabola di grande illusionista e, purtroppo, anche la sua vita: ammanettato a testa in giù, in apnea, in una prigione di acqua. Un numero che è fisicamente stremante, oltre che rischioso: per realizzarlo alla sera devo assolutamente superarlo nelle prove ogni pomeriggio». La felice intuizione de «Il grande sogno di Houdini» è anche quella di accompagnare gli strabilianti numeri di magia – tutti studiati sugli «spartiti» della grande scuola statunitense, da Bill Smith Magic Ventures di Las Vegas a Paul Osborne e all’Illusion System di Dallas, fino a John Gaughan di Los Angeles – a una narrazione storica affascinante: «Racconto, anche attraverso l’uso di rari filmati , l’incredibile storia di Harry Houdini, il più grande di tutti – spiega Casanova – Il maestro che morì in America nel 1926 e sulla cui morte gravano ombre. Lui era detestato dai tanti finti guaritori e ciarlatani che si arricchivano alle spalle della gente. Houdini li smascherava: diciamo che era un antesignano di Striscia, e qualcuno voleva la sua fine». Un tocco di giallo nella grande narrazione dove parole e magie si intrecciano a cavallo di due secoli, l’800 e il primo ‘900, in una coreografia che, spiega Casanova, «Colombi ha studiato con intelligenza, trasformando il teatro in un luogo di cent’anni fa: come uno spettacolo di Houdini». FeGat

Fonte http://www.ilgiornale.it/news/milano/show-casanova-nuovo-houdiniteatro-nazionale-920775.html

Andrea Clemente Pancotti

Principalmente sono io Andrea Clemente Pancotti: infanzia rovinata dai fascicoli di “STUPIRE!” di Carlo “Mago Fax” Faggi. Abbandona l’Arte per poi riscoprirla alla soglia degli ‘anta.“. Ora il team si e’ allargato, siamo comunque un gruppo di amatori, seriamente innamorati della Magia…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.