sabato, Marzo 2, 2024
Notizie

“A Kind of Magic, Wayne Dobson’s Legacy” di Wayne Dobson e Bob Gill

“Wayne Dobson’s Legacy” di Wayne Dobson e Bob Gill

Bob Gill, autore di “Wayne Dobson’s Legacy”, ci racconta il processo di collaborazione con Wayne su questi magnifici tre libri.

Liberamente tradotto da https://www.vanishingincmagic.com/blog/waynes-world

Libri disponibili su https://www.vanishingincmagic.com/magic-books/wayne-dobsons-legacy/

Wayne’s World

By Bob Gill

Tutto ebbe inizio quando ci siamo incontrati per la prima volta da Ken Brooke’s Magic Place in Wardour Street all’inizio degli anni ’70, un decennio di cui il gusto sembra essersi dimenticato.

Io ero più grande di Wayne di 5 anni (e ancora lo sono, a quanto pare), una voragine temporale quando hai vent’anni. Poco dopo ho visto Wayne in azione sul palco durante il picnic annuale dell’IBM British Ring, quando Roy Johnson presentò questo personaggio che stava mentorando, che sembrava avere circa quattordici anni ma procedette a esibirsi nello spettacolo. Ciò che il giovane Wayne eseguì era abbastanza standard – trucchi con attrezzi alla moda in quel periodo – ma non era tanto ciò che faceva quanto il modo in cui lo faceva. La promessa che mostrava era radicata nella sua personalità sul palco: il modo in cui si presentava, una mistura accattivante di fascino sostenuto dalla spavalderia della giovinezza. Lo segnammo tutti come uno da tenere d’occhio. Questo fu confermato l’anno successivo quando vinse il concorso di close-up dell’IBM, la Zina Bennett Cup (l’anno dopo di me, il che ci legò ulteriormente). Pochi mesi dopo ho tenuto una conferenza presso la Leicester Society, alloggiando da Roy e sua moglie Janet, e Wayne è venuto per una sessione.

Abbiamo poi intrapreso percorsi paralleli, lavorando nei club con la magia leggera e comica diventata popolare grazie a personaggi come Paul Daniels. Durante quel periodo ho avuto il piacere – con più di un accenno di invidia – di vederlo crescere da un adolescente precoce con gli occhi scintillanti a un professionista navigato e poi diventare un maestro del suo mestiere. Anche se gli artisti sono intrinsecamente competitivi, ho osservato rapidamente, senza alcun accenno di malizia, che stava rapidamente superando tutti i suoi contemporanei; era ovvio per tutti noi fin dall’inizio che Dobbo era destinato a cose più grandi.

A 21 anni, ha lasciato il suo lavoro in fabbrica per diventare professionista, incitato da diverse persone il cui consiglio apprezzava e che gli dicevano di avere le qualità necessarie. Ha attirato l’attenzione di un agente che ha prenotato questo giovane talento in tournée in club impegnativi in Scozia e nel Nord-Est, noti per “divorare” i giovani artisti. Viaggiando nel suo Datsun malconcio, spesso utilizzato anche come camera da letto per la notte, ha mostrato le qualità resilienti e ingenue che in seguito gli sarebbero servite così bene quando ha avuto successo. La sua capacità e determinazione nell’osservare, ascoltare, imparare e applicare tali apprendimenti, insieme al suo acuto istinto per tutto ciò che riguarda il coinvolgimento del pubblico, lo hanno contraddistinto. Ha smesso gradualmente di farsi respingere dal pubblico e li ha conquistati, fino a quando ha iniziato a ottenere bis come una cosa normale. Fu in questo primo punto della sua carriera che realizzò per la prima volta l’inizio incerto del suo celebre sketch delle “Voci”.

La sua fame di lavoro era vorace; affrontava con allegria anche tre o addirittura quattro spettacoli al giorno. Lavorando con importanti atti vari della sua epoca, è stato solo una questione di tempo prima che attirasse l’attenzione del manager Leon Fisk (che gestiva anche Freddie Starr). Ha tratto enormi benefici dalle sue due stagioni come apripista per il birichino Freddie Starr in questo paese, con cui ha girato e partecipato in televisione per tre anni, e Englebert Humperdink, per il quale ha aperto a Las Vegas per due anni. Quei cinque anni hanno affinato le sue abilità esecutive, levigato la sua presenza sul palco e lo hanno trasformato in un intrattenitore comico magico di livello mondiale e completo.

In questo momento gli è stata presentata una scelta felice seppur straziante: fronteggiare il proprio spettacolo a Las Vegas o la propria serie ITV. Allo stesso tempo è stato prenotato per esibirsi davanti alla Regina alla Royal Variety Command Performance nel 1989, quando ha rubato la scena con due palline di spugna da 50 pence e la sua ormai affinata performance delle “Voci” diventata uno spettacolo irresistibile per il pubblico. Ritenendo Vegas un po’ superficiale e una sorta di ruota per criceti, lui e sua moglie assistente Karen hanno scelto di tornare in patria.

La sua serie televisiva attirava regolarmente 11 milioni di spettatori grazie al suo produttore/regista Nigel Lythgoe che gli dava spazio per costruire la sua presenza sullo schermo. Si assicurava sempre di circondarsi di qualità; Linda Lusardi come sua assistente, Pat Page come suo consulente magico, Russ Stevens come suo consulente per le illusioni, Charlie Adams come suo co-scrittore. Nel volume “Legacy” seguiamo come si sono sviluppate quelle tre serie e dettagliamo ogni routine. Era sempre attento a ciò che era attuale; all’apice della fama di Wayne in TV, Paul Daniels stava entrando nei suoi anni crepuscolari in TV: Mister BBC con un tono retrò. L’intero approccio di Wayne era giovane, cool e contemporaneo, con un set televisivo moderno, illusioni che sembravano costruite per un film di fantascienza, una modella di pagina tre come assistente e una canzone tema dei Queen. Questo sicuramente ha colpito Mr. Daniels, che ha dato il via a una sorta di faida con il giovane pretendente nella stampa magica e nei tabloid.

Tutti i maghi commerciano segreti; sconosciuto a tutti, il suo più grande segreto era sconcertante. Allo stesso tempo in cui ha appreso di aver ottenuto quella Royal Variety Performance, un fastidioso dolore alla gamba lo ha portato a consultare uno specialista, che gli ha detto di sospettare che avesse contratto la sclerosi multipla. Non era una diagnosi definitiva: avrebbe dovuto aspettare tre anni per ottenerla. Quindi l’intero decennio all’apice della sua carriera – spettacoli della Royal Variety, tre serie televisive, uno spettacolo completo di illusioni che ha girato il Regno Unito per diversi anni, il favorito nel redditizio circuito delle apparizioni aziendali – è stato consegnato mentre la sua condizione medica incombeva su di lui, intromettendosi sempre di più nella sua vita, privandolo dell’uso delle gambe, poi di una mano, seguita dall’altra, fino a quando la sua paralisi lo ha confinato su una sedia a rotelle. Dopo aver lottato per raggiungere le vette della fama, ha affrontato un’altra lotta: la lunga, crudele e debilitante discesa quasi completa alla dipendenza.

In questo periodo assistemmo anche alla diminuzione delle sue considerevoli entrate, dei suoi risparmi e di entrambi i suoi matrimoni. Il suo secondo matrimonio fu rovinato dagli abusi subiti per mano della sua consorte, il che lo lasciò vulnerabile e spaventato. Tuttavia, come tutti coloro che lo conoscevano, ero beatamente ignaro del disfunzionamento del suo secondo matrimonio e degli abusi che sopportava e nascondeva, in parte per vergogna, in parte per paura di essere confinato in una casa di riposo dove avrebbe perso il senso di libertà.

Di fronte alla realtà della sua situazione finanziaria, aveva bisogno di guadagnarsi da vivere. Come quadriplegico, questo sarebbe sempre stato una sfida, fino a quando non ebbe l’idea di seguire le orme del suo eroe Ken Brooke e di commercializzare le sue stesse creazioni come rivenditore di magia. Nacque DTrik, che gestì più o meno da solo fino a quando incontrò il suo partner d’affari, Mike Sullivan, che si occupava del grosso del lavoro gestionale, lasciando a Wayne la libertà di sedersi e ideare trucchi di magia, una cosa che sembra essere in grado di fare a volontà. In questo processo, ha praticamente inventato una nuova forma d’arte: la routine senza contatto.

Siamo rimasti in contatto nel corso degli anni successivi al suo ritiro forzato dalle esibizioni, ed è sempre stato una grande compagnia. È un grande narratore di barzellette, con una fornitura apparentemente infinita di battute da professionista: il tipo di storie fuori di testa dal gusto dubbio che piacciono agli artisti dietro le quinte. Ora la sua condizione è tale che quando ride si trasforma rapidamente in ansimare e schizzare saliva. Quando è davvero divertito da qualcosa, sembrerà annegare virtualmente nella saliva e ansimare per il respiro. In un’occasione sono stato vicino a chiamare un’ambulanza. Lui amava ogni secondo di quello – ma non quanto me.

Questa propensione al divertimento è caratteristica di come Wayne si comporta con i suoi amici ed è una delle ragioni per cui è invariabilmente circondato da amici del mondo della magia e dello spettacolo ogni volta che partecipa a un evento o quando si riuniscono da lui. La sua gioia più grande è essere in mezzo a una folla che scherza e ride – è invariabilmente quello che ride di più. In genere, aspetterà che la risata più grande si plachi, poi scatenerà il suo unico contributo alla sessione – e vecchio saggio del mestiere che è, supererà invariabilmente quanto è successo prima.

Sono stato riportato nell’orbita di Dobson cinque anni fa, quando a sua volta mi ha complimentato e deliziato con un invito a partecipare a alcuni progetti di scrittura e performance che aveva in mente. Aveva deciso che preferiva istruzioni scritte rispetto ai film che erano diventati la norma tra i venditori contemporanei e di cui detestava la tendenza all’esagerazione. Quindi sono stato coinvolto anche per scrivere e descrivere le sue creazioni per DTrik e Alan Wong, senza rendersi conto in quel momento di quanto fossero follemente produttivi entrambi.

Una cosa che facilita la sua relazione lavorativa con coloro che gli sono vicini è il riconoscimento che siamo interdipendenti: i nostri scambi e la necessità delle attribuzioni reciproche fluiscono in entrambe le direzioni. Gli standard che si aspetta da te sono altrettanto elevati di quelli che si impone a sé stesso. Mantieni quel livello e ti tratta come un pari, il che è molto gentile (e intelligente) da parte sua. Se scendi al di sotto, lo frustra oltre ogni immaginazione.

La frustrazione è una condizione che ha dovuto imparare a gestire, poiché la sua dipendenza dagli altri per molti aspetti della sua vita quotidiana inevitabilmente lo mette sotto pressione per mordere la lingua. Poiché è dipendente da noi per mettere in pratica le sue prolifiche idee e seguire la sua direzione, si lascia rapidamente incantare dall’idea e non vede l’ora di renderla realtà. Naturalmente, occasionalmente la vita reale si intromette, e non siamo sempre in grado di essere al suo comando istantaneamente quando gli viene un’idea. Questo è ciò che lo frustra di più; è ben consapevole dei limiti di quanto lontano può portare un’idea e ha fretta che qualcuno di fiducia intervenga e lo aiuti a portarla a compimento. Possedere un cervello così creativo e altamente attivo all’interno del corpo di un quadriplegico è contemporaneamente continuamente frustrante e limitante.

La sua condizione è tale che la rigorosa routine diventa non solo importante, ma una questione di sopravvivenza. Le moderne telecomunicazioni sono salvavita per Wayne, che fa avidamente il massimo dell’accesso che gli offrono attraverso il suo auricolare controllato vocalmente. Per gran parte della sua giornata di veglia, però, Wayne abita un mondo solitario. Sebbene abbia assistenti giornalieri e visitatori regolari, ci sono periodi prolungati della sua giornata in cui è solo: in parte per scelta, perché questo diventa il suo tempo di riflessione. Essendo paralizzato dal collo in giù, tutto ciò su cui Wayne ha il controllo risiede nel suo cervello. Perdendo così tanti dei suoi poteri sensoriali, diventa chiaro che ha compensato con il modo in cui usa la sua potenza cerebrale. Questo si manifesta soprattutto nei suoi acuti poteri di memoria e visualizzazione, uniti a un’attenzione ai dettagli forense che non smette mai di impressionarmi. Come saprai, inventare un trucco di magia è un atto seriale di creatività: ti viene un’idea iniziale; generi un modo per renderla possibile; compri gli attrezzi, li prendi, e pratichi il loro utilizzo, affinando gradualmente nel tempo attraverso la prova fisica.

Wayne deve rinunciare a gran parte di questi passaggi essenziali nel processo di portare un effetto magico alla vita; lo fa brainstorming sulla routine con qualcuno che ha il proprio tipo di creatività ed esperienza da offrire. Questo processo collaborativo è vitale perché rimuove la natura solitaria della sua esistenza; gli consente di scambiare idee con gli altri le cui abilità apprezza, quindi il trucco viene migliorato nel processo. Gli offre l’opportunità di far realizzare eventuali apparecchi speciali e di avere un paio di mani al posto delle sue e di praticare per suo conto; convalida l’idea o lo porta a rifiutarla: non ha paura di abbandonare ciò che molti altri sarebbero felici di avere inventato, se non raggiunge ciò che ha nella sua immaginazione.

È sempre un piacere, mai un compito, perché sai che sta per accadere quando ricevi una chiamata da Wayne Dobson: sta per essere svelato l’inizio di una bella idea, di cui hai il privilegio di avere la prima vista. E ti prepari a ridere a lungo e forte e a divertirti molto nel processo: le ore volano.

Quando faccio brainstorming di idee con Wayne, sono sempre consapevole che lui ha dimenticato più cose di quante ne sappiamo sulla magia, sugli effetti, sulle tecniche e sui principi. Quest’uomo vive la magia 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Ci scambiamo idee; quando siamo felici, vado via e scrivo le istruzioni per l’effetto, o Mike fa un film illustrativo. Poi spetta a Mike far realizzare l’apparecchiatura prima di commercializzare, vendere e consegnare il prodotto ai loro clienti.

Puoi immaginare che destrutturare, ad esempio, un trucco con un mazzo di carte possa diventare piuttosto complesso. Quando un prestigiatore abile sta praticando, può controllare i suoi progressi in tutto il percorso; Wayne non ha nulla di tutto ciò a disposizione, può solo portare un’immagine mentale dell’intera sequenza di azioni. Ma spiegherà pazientemente per dirmi nei minimi dettagli:

“Non dovresti distribuire la terza carta sul mazzo di sinistra. Devi fare prima un doppio taglio, poi puoi consegnare il mazzo allo spettatore per distribuire sul mazzo di destra. Quando ha distribuito la quinta carta – no, scusa, l’ottava carta; la quinta finisce per perdersi nella metà inferiore del mazzo più tardi quando completi la fase 2…” Tutto dalla sua memoria.

Nel frattempo, cercava qualcuno che lo aiutasse a completare un’idea che inseguiva da un decennio: dare forma all’insieme di aneddoti frammentari sulla sua vita, che occupavano solo una trentina di pagine, la maggior parte delle quali era già stata pubblicata nei suoi libri precedenti. Lavorando a stretto contatto, abbiamo trasformato quel pugno di ricordi in quasi 400 pagine durante i quattro anni circa che ho trascorso lavorando con lui. Ci siamo stabiliti in una routine, parlando quasi tutti i giorni per un paio d’ore su Skype o presso il suo appartamento nel Surrey, ed io l’ho intervistato efficacemente, tirando fuori da lui i ricordi e gli eventi dimenticati e gli aneddoti. Un beneficio significativo del processo è che rivivere la storia della sua vita ha suscitato molti eventi e aneddoti che hanno reso il libro ancora più ricco. Avrebbe potuto facilmente raggiungere altre centinaia di pagine o più.

La sfida con la sua storia di vita era che ci basavamo principalmente sulla sua memoria. Aveva scaricato la maggior parte della sua vasta collezione di cimeli, accessori, illusioni, perché non è in grado nemmeno di toccarli. Quindi sono diventato anche il suo ricercatore. Mi sono divertito parecchio per molti mesi parlando con la schiera di persone coinvolte nel renderlo una star: produttori di programmi, artisti, stelle, consulenti e un esercito di personalità del mondo della magia. Scoprimmo che fare cadere il nome Dobson apriva porte altrimenti invalicabili, e tutti questi nomi facevano a gara per ricordare storie e esprimere la loro enorme ammirazione per quanto fosse una star come performer e quanto fosse diventato un’ispirazione una volta che la vita gli ha tirato contro il peggio.

Scrivevo ciò di cui avevamo discusso, gli mandavo il pdf, che lui leggeva sullo schermo. Poi lo rivedevamo insieme, io leggevo il testo a voce alta, correggevamo eventuali anomalie e aggiungevamo eventuali storie supplementari che il testo gli suggeriva, scatenate dalla procedura che stavamo attraversando. Potrebbe sembrare laborioso, ma tenete presente che mi ero guadagnato la fiducia con una comprensione così profonda e brutalmente onesta del pensiero di uno dei miei eroi magici e della sua vita così ben vissuta; mi stavo divertendo.

Forse il più grande complimento che posso fare a Wayne è che dopo solo poche settimane ho finito col dimenticare il fatto che è disabile. In questo, credo, risiede il suo trionfo definitivo sulla maledizione dell’Insufficienza Venosa Cerebrospinale Cronica (SM per noi).

È istruttivo quanto possa essere brutalmente onesto su se stesso e su ciò che lo guida: Wayne non si illude. Aggiungete a questo una notevole resilienza e forza di spirito, e potete vedere in lui tre dei comportamenti cruciali che sostengono il successo: una fede in se stesso duratura, un rifiuto di accettare il fallimento e una spinta implacabile a ottenere di più.

Ho effettivamente scritto la storia di vita di Wayne quattro volte. È iniziata come un progetto ideato dalla sua adorabile e intelligente manager Mary Fisk, che aveva interessato la Mirror Publications a un libro sulla vita di Wayne per il pubblico. Si parlava anche di un documentario e di alcune vaghe idee per una sitcom. Quindi, dopo 18 mesi di scambi con Wayne, ho prodotto una prima bozza con cui eravamo entrambi soddisfatti. Gli editori e la sua dirigenza pensavano che non fosse abbastanza sensazionale: volevano più succo riguardo al suo movimentato secondo matrimonio. È un fatto scoraggiante che le vittime di abusi esitino a parlare in pubblico; quando queste vittime sono non solo di sesso maschile, ma anche disabili, aggiunge un pizzico di intensità alla forza d’animo di Wayne nel rivelarsi così apertamente. Gli abusi subiti dalla persona più vicina a lui all’epoca hanno senza dubbio lasciato un segno profondo nella psiche di Wayne, ma lui è ancora in grado di discuterne con stoicismo.

Così mi sono messo a riscrivere il manoscritto, con quattro interi capitoli che esplorano alti e bassi di quei dieci anni. Gli editori e la dirigenza erano più contenti, così come Wayne, poiché aveva senza dubbio trovato terapeutico il processo di liberarsi in modo così crudo. Ma non riuscivo a togliermi la sensazione di essere un po’ — beh, sporco. Questo è peggiorato quando l’ho mostrato a alcuni maghi di cui apprezzo l’opinione e hanno ritenuto che fosse troppo personale e sensazionalista. Wayne ha acconsentito a attenuarlo più di quanto avessi fatto, così sono tornato a riscrivere il testo. Ma ora non avevamo né l’una né l’altra cosa, soddisfacendo nessuno. Poi il peggio ci è venuto addosso dal nulla, quando Mary è stata diagnosticata con il cancro di stadio 4 ed è scomparsa nel giro di poche settimane. Wayne era devastato: Mary è sempre stata come una mamma del mondo dello spettacolo per lui, e ancora soffriva per la perdita della sua vera mamma. Con Mary è sparito anche il collegamento con la Mirror, e il progetto ha avuto un’impasse.

Avevo l’idea di trasformarlo in un set di due volumi rivolto direttamente ai maghi, un volume sulla sua storia di vita (adattato ancora una volta) e l’altro sulle routine che hanno fatto la sua carriera. Questo ha generato i tre volumi che alla fine sono emersi: la storia di vita, le sue routine televisive e da palcoscenico e il nuovo materiale che aveva in mente per una quarta serie televisiva prima che la ITV lo cacciasse senza pietà per paura della reazione del pubblico al suo peggioramento delle condizioni mediche.

Così ora entrambi abbiamo lavorato intensamente sulle sue varie routine per un altro anno circa. In tutto il lavoro collaborativo, Wayne ha affrontato l’effetto come un artista, descrivendo come lo avrebbe eseguito, nonostante non fosse in grado di eseguire l’effetto che stava spiegando per venderlo agli altri. Wayne si è messo in disparte dalle sue esibizioni originali e le ha criticate, quasi come un regista oggettivo, e nel corso degli anni ha continuato a svilupparle come se le stesse ancora eseguendo.

Avendo detto tutto ciò, immagina le richieste che ha su di lui per portare a compimento questi libri. Mentre passavano attraverso i molteplici cambiamenti che dovevano durante la loro gestazione, Wayne doveva tener traccia di sezioni su pagine e capitoli diversi, facendo ancora una volta affidamento alla sua memoria mastodontica. Ancora una volta mi sono sentito così privilegiato, nel imparare il suo miglior lavoro da un maestro del nostro mestiere. Va detto che non è sempre stato facile lavorare con lui. Un giorno ho timidamente suggerito di discutere del suo pezzo comico distintivo – forse il miglior dispositivo comico di magia del nostro tempo – le Voci. Se non sai di cosa sto parlando, cerca la sua esibizione al Royal Variety Performance su YouTube per una lezione da parte di qualcuno al top del suo gioco. La sua risposta è stata: “Ma l’ho appena fatto, elaborandolo durante diversi anni di esibizioni.” Un breve capitolo, quindi. Per diverse settimane ho lavorato instancabilmente su di lui, fino a quando non abbiamo avuto un paio di dozzine di pagine che esaminano il pezzo in dettaglio, ed è forse il pezzo più significativo della trilogia per me, forse perché è stato così difficile da definire ed spiegare, principalmente perché è così iconico.

Fiducioso nel materiale, mi sono rivolto a Andi e Josh di Vanishing Inc. per esplorare se un progetto così mastodontico – 1200 pagine, contatele – fosse qualcosa che avrebbero potuto considerare. Per essere giusti nei loro confronti, avevano già un programma editoriale incredibilmente frenetico, ma erano affascinati dall’idea e abbiamo lavorato insieme per portare il progetto alla luce. Devo dire che la famiglia VI è incredibilmente impressionante, professionale e orientata al business. Un set di tre volumi di alta qualità contenente così tante foto e disegni a linee (dall’esquisita penna di Tony Dunn) richiede un investimento non trascurabile iniziale, e saremo sempre grati ad Andi e Josh per la loro incondizionata fiducia in questo progetto. Spero che siano orgogliosi del risultato finale tanto quanto lo siamo Wayne ed io.

Oggi vive in un grazioso appartamento, dipendendo dai sussidi per pagare le sue cure più o meno costanti. Gestisce un’azienda modesta che gli paga il “pocket money”. Inoltre, Wayne è ancora in grado di esibirsi sul palco, grazie all’aiuto di diversi grandi amici e assistenti che lo circondano e lo supportano. Si trova ad affrontare il peso apparentemente insopportabile della sua recente lotta per esprimersi, compromesso dalla sua condizione che ha ridotto il suo modo di parlare a un sussurro da palcoscenico, attraverso frasi brevi e ansimanti. Nonostante ciò, sembra non solo imperturbato, ma quasi disinteressato. Ciò spinge Wayne certamente oltre ciò che ci si potrebbe aspettare da una persona disabile. Al punto che sta ancora mettendo in scena uno spettacolo serale, con Mike che fa da sue mani, per il pubblico, che chiaramente adora tutto ciò che rappresenta. Quindi ecco un ulteriore progetto per entrambi noi: scrivere uno spettacolo serale completo. La sua condizione fisica gli può aver tolto la sua parlata naturale e l’articolazione, persino il suo tempismo comico, ma non possono offuscare il suo scintillante senso dell’umorismo, né la sua intuizione innata su come conquistare il pubblico. Né la sua pura determinazione.

Parte di te potrebbe sentirsi addolorata per la crudeltà della sua salute che si deteriora e la rimozione forzata della sua carriera come artista di spicco. Sebbene possa essere imprigionato all’interno della sua sedia a rotelle, combattendo ininterrottamente con gli effetti devastanti della sclerosi multipla, totalmente dipendente dagli altri per semplicemente affrontare fisicamente e praticamente la giornata, ancora oggi Wayne non smette mai di portarsi con una certa presenza. Come quei personaggi dello spettacolo che hanno raggiunto una certa statura nella loro professione scelta, guadagnano il nostro approvazione basata sullo sviluppo di un corpo di lavoro, a differenza della moda contemporanea per una fama passeggera e priva di fondamento.

Quindi, qualsiasi altra cosa quei maledetti binari gemelli di ‘M’ e ‘S’ abbiano privato a Wayne, non ha né offuscato né imbrattato Quel Qualcosa di Sicuro. Wayne è molto concreto e alla mano con gli altri, come lo è sempre stato per tutto il tempo che ci conosciamo. Ma credo che parte del trucco per ottenere un’idea di Che Cosa Significa Essere Wayne Dobson sia essere consapevoli del contesto della sua vita entro il quale incornicia la sua carriera. Questo gli ha dato la capacità di vivere nel presente e ricordarci il suo passato, difetti compresi; come potresti sperimentare entro quelle 1200 pagine, è disposto ad essere sorprendentemente onesto e raccontare storie contro di sé.

Soprattutto, vedo una continuazione della sua forte etica del lavoro; la sua determinazione a sostenere la sua ricerca della perfezione nel suo lavoro; soprattutto, il suo rifiuto di permettere alla sua malattia di limitare lo sviluppo artistico. Qualunque sia il tuo punto di vista, è questa forza che rende Wayne un’ispirazione per coloro di noi fortunati ad essere esposti ad essa. Ed è interamente a suo merito che gli dispiacerà che io lo dica.

In qualche modo, attraverso tutto ciò, quando c’era il dubbio, lo ha mangiato e lo ha sputato fuori; ha affrontato tutto e si è alzato in piedi e l’ha fatto a modo suo. Nonostante tutto, ha pochi rimpianti, né una traccia di autocommiserazione:

“Ho avuto una vita fantastica – e continua ad esserlo,” insiste. “Amo la mia vita; sono più felice che mai. Sono benedetto con così tanti cari amici e il posto centrale che la Magia ha nella mia vita. Sono contento della mia sorte: fiero del passato, ma mi piace guardare al futuro. Posso avere la sclerosi multipla – ma non mi possiede; può avere un controllo su di me, ma non mi definisce.”

 

Andrea Clemente Pancotti

Principalmente sono io Andrea Clemente Pancotti: infanzia rovinata dai fascicoli di “STUPIRE!” di Carlo “Mago Fax” Faggi. Abbandona l’Arte per poi riscoprirla alla soglia degli ‘anta.“. Ora il team si e’ allargato, siamo comunque un gruppo di amatori, seriamente innamorati della Magia…

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.