La sopravvivenza del CICAP è a rischio. C’è bisogno dell’aiuto di tutti.

Nel 2014 il CICAP dovrebbe compiere 25 anni. Il condizionale è d’obbligo, perché la situazione è ormai tale che non siamo sicuri se il Comitato esiterà ancora tra un anno.

Siamo sommersi dal lavoro e dalle richieste. Abbiamo da poco concluso un convegno nazionale che ha fatto seguito a un anno di distanza a un altro convegno di due giorni, svoltosi a Torino e dedicato ai numeri. Solo pochi mesi fa abbiamo organizzato il giro italiano di James Randi, con quella straordinaria conferenza trasmessa via satellite in tutta Italia. Senza contare le Giornate anti-superstizione, il Corso per investigatori e le tantissime conferenze organizzate dai Gruppi Locali in tutte le regioni dove queste sono attive. E questo solo per gli incontri pubblici.

Chi ci segue soprattutto sul web, dove siamo presenti in tanti modi (con il sito del CICAP, quello della rivista Queryonline, i canali sui social network, facebook, twitter…), ma anche chi continua a seguirci semplicemente leggendo Query, sa che siamo sempre in movimento. Ogni giorno veniamo consultati dai media e dal pubblico su questo o quel caso misterioso, conduciamo test ed esperimenti, verifichiamo le notizie più insolite, organizziamo corsi e workshop, andiamo in radio e TV spesso, anche se non abbastanza… Insomma, continuiamo a fare quello per cui siamo nati 24 anni fa.

Eppure, potremmo fare molto di più. Per esempio, potremmo essere presenti maggiormente nelle scuole. Potremmo contribuire alla formazione di docenti, ricercatori e insegnanti organizzando corsi di aggiornamento e perfezionamento. Potremmo far partire osservatori mirati sui programmi televisivi, in modo da intervenire tempestivamente presso la vigilanza Rai o il Garante dell’Editoria, ogni qualvolta vengano propagandate in maniera acritica teorie pseudoscientifiche o, peggio, dannose per la salute… Potremmo fare davvero tante cose.
Ma le nostre forze sono limitate e quel che è peggio si vanno restringendo. La crisi sta colpendo anche noi ed è per questo che dobbiamo chiedere il vostro aiuto.

Leggi il resto dell’articolo sul sito di Massimo Polidoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.