La magia nei libri – Stupire!

di Davide Rubat Remond – https://www.instagram.com/lamagianeilibri/ 

“Io continuo a stupirmi. È la sola cosa che mi renda la vita degna di essere vissuta”, il celebre aforisma di Oscar Wilde ci insegna che non bisogna mai abbandonare lo stupore, e che bisogna continuare a sorprendersi, conservando la curiosità e la voglia di conoscenza. Imparare ad apprezzare le cose semplici che sono le inaspettate custodi della meraviglia.

Molti anni fa un mago ha avuto l’ardire di sfidare tutto il mondo magico, mettendo a disposizione di tanti giovani apprendisti, alcuni segreti fino ad allora disponibili soltanto ad una cerchia ristretta di persone. Ha voluto Stupire tutti con un’opera, oggi lo sappiamo, fondamentale per la formazione magica dei giovani degli anni ’80. E pare che questa cosa, all’epoca ad alcuni, non sia proprio andata giù.

Carlo Faggi in arte “Mago fax”, grazie alla Forbes & Huges Edizioni, trova un modo inedito, per quel che riguarda la magia, ma molto in voga in quegli anni e poi in seguito: i fascicoli settimanali distribuiti nelle edicole. 30 uscite settimanali in cui venivano spiegati ed illustrati, con bellissime fotografie di Enzo Miseferi, 4 giochi di prestigio. Una parte del fascicolo era dedicata alla storia della magia e ai grandi maghi. In più ogni numero aveva allegato un attrezzo magico, oggi si direbbe “gimmick”, che alla fine della raccolta permetteva di avere un piccolo bagaglio magico, utile ad eseguire i tanti insegnamenti in modo ancora più spettacolare.

Stupire è stata, con l’attesa che ogni settimana animava i cuori di tanti amanti di questa arte, la prima vera scuola di magia e prestidigitazione, rivolta a chi voleva arricchire un repertorio già presente, ma anche e soprattutto a chi voleva essere iniziato alla pratica magica.

Personalmente sono riuscito ad acquistare poche copie durante la mia adolescenza, per motivi diversi, che comunque ho conservato fino a poco tempo fa, fino al momento in cui sono riuscito a trovare i due volumi, Stupire 1 e 2, completi e rilegati. Solo allora ho deciso di mettere in vendita il plico di fascicoli della mia giovinezza. Sono stato fortunato ad averli trovati ad un prezzo accessibile, poiché le poche copie che si trovano sul mercato del collezionismo magico, hanno raggiunto cifre importanti.

L’opera completa presenta in tutto 120 giochi classici, in qualche caso inediti se si contestualizza il periodo, semplici da eseguire ed effetti belli da vedere. Esplorano tutte le varietà della magia dalla manipolazione al mentalismo, passando per idromagia e close-up. Circa 60 pagine di ogni volume, dell’enciclopedia magica, è dedicata alla storia della magia.

E’ possibile conoscere o approfondire la vita e le gesta dei grandi maghi del passato ed i principali e più importanti traguardi della magia. Testi storici, fotografie, stampe d’epoca rendono la lettura piacevole ed intrigante allo stesso tempo. Una miniera di informazioni scritte con un linguaggio semplice e comprensibile a tutti.

Un passato dev’essere tanto familiare da poterlo rivivere meccanicamente e tanto inaspettato da farci stupire ogni volta che vi ritorniamo: allora è adatto alla fantasia. Cesare Pavese ci racconta chiaramente che cosa è Stupire, è un posto sicuro dove tornare, la voglia di ritrovare tra quelle pagine quel senso antico di famiglia e di casa, è la certezza di avere sempre nuove bellissime attese, e di sapere che tutto andrà sempre bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.