IMHO: Superbrain ed il Disillusionista, che noia.

Sulla pagina facebook di World Magic Media si e’ parlato dell’apparizione di quel fenomeno del Disillusionista, in merito alla sua apparizione al programma Superbrain.

Il programma carino, ma nulla di più, e’ una specie di talent show delle persone con capacità mentali superiori alla media, ma ad essere sinceri non c’e’ nulla che colpisca veramente, eccone la spietata recensione su www.tvblog.it/post/465771/superbrain-puntata-14-dicembre-2013-diretta

Superbrain non entusiasma, né indigna. Esaurito l’effetto novità del numero zero (se si può definire novità un programma che fa un po’ Italia’s got mind, un po’ Scommettiamo che, un po’ Usa la testa della Balivo), la nuova edizione è la conferma di un meccanismo tanto ben oliato quanto già apparentemente usurato.

Al timone non poteva esserci che una conduttrice meccanica come Paola Perego, che liquida le varie prove con una mentalità burocratica. Il solo momento cult quello in cui si è finta morta in uno sketch, per poi ribadire di essere viva e lottare insieme a noi. Roba che i mille tagli (stridenti come il gesso sulla lavagna) apportati in postproduzione a volte sembravano provvidenziali, per levarla dall’impaccio di fare da collante.

Il rispolvero di Antonella Elia, per portare “la linea comica” a un programma ansiogeno e tensivo, non è particolarmente illuminante. L’ex valletta è sempre più parodia scontata di se stessa e colpisce solo per un caschetto più rock del solito. L’Elia oca funziona con i grandi mattatori autorevoli e autoritari, non con un Conticini che sembra la sua spallina.

La cosa più discutibile è il lancio forzato di Telethon per un programma visibilmente registrato. Insomma, Superbrain ha calcolato proprio tutto, tranne una cosa: il fattore emozione.

[…]

E, novità di quest’anno, sarà presente anche Il Disillusionista, che, già popolarissimo sul web, senza svelare la sua identità, ma sotto le vesti di un supereroe svelerà alcuni segreti che si nascondono dietro l’arte dell’illusionismo, perché se è vero che la mente può avere poteri straordinari, è altrettanto vero che può essere illusa.

Ed ecco che appare il simpatico Disillusionista…

22.12 Il Disillusionista influenzerà la mente dell’Elia. Ma è la risposta della Perego al Mentalista della D’Urso? La sua particolarità sta nel di svelare tutti i trucchi.

IMHO: a parte che influenzare la mente della D’Elia e’ impossibile (manca la materia prima!), non mi piace per nulla come opera il Disillusionista. Già il fatto che non si faccia vedere in volto, si vergogna? Sembra uno di quei pervertiti di chatroulette, webcam fissa sul pacco. Poi ha svelato il classico segreto di Pulcinella, ma gli autori della trasmissione non avrebbero fatto meglio a fare uno sforzo ed invece far svelare i veri trucchi, il vero funzionamento della mente umana, quello su cui lavorano i veri illusionisti, come sul bellissimo libro “I trucchi della mente. Scienziati e illusionisti a confronto” (su amazon e un articolo su prestigiazione.it)? Uno spera sempre troppo da una trasmissione del servizio pubblico, in prima serata, il sabato sera. Vediamo se nelle prossime puntate fanno qualcosa di sensato o ripropongono questa zozzeria. Secondo voi?

Un pensiero riguardo “IMHO: Superbrain ed il Disillusionista, che noia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.