5 Domande: Maximilian.

Oggi sottoponiamo il nostro caro amico e mentore Giuseppe “Maximilian” Misuraca alle nostre 5 domande, visitate il suo sito http://www.maximiliansm.com

Giuseppe Misuraca, in arte Maximilian, è un prestigiatore professionista da molti anni e, assieme alla sua partner e compagna Vassilia, nel 2000 ha vinto il primo premio di magia da scena al congresso nazionale del Club Magico Italiano. E’ titolare di una delle più apprezzate e fornite “case magiche” italiane, si dedica con successo all’innovazione e all’invenzione magica, ed alla creazione di sempre più sofisticati ed originali effetti. Insegna manipolazione e cartomagia, a chiunque voglia avvicinarsi a questa difficile, ma bellissima arte.

Come ti sei avvicinato alla prestigiazione ?

Era il 1978, facevo il servizio militare a Castelmaggiore, entrai a far parte del complesso musicale, della caserma, allora suonavo la chitarra ed il basso elettrico, del gruppo musicale facevano parte anche un giocoliere ed un mago, facevamo gli spettacoli ai congedamenti.
Il mago in questione allora si faceva chiamare “Krugas” oggi lo conosciamo come “Rocco Borsalino” da lì e’ scattata la molla per la magia, quando finii, il servizio militare, avevo già imparato qualche piccolo trucco. Quando tornai a Torino, dopo estenuanti ricerche, trovai il circolo amici della magia, mi iscrissi, a da allora è iniziata la mia esperienza magica, che dura ormai da 34 anni.

Il momento che ricordi più intensamente della tua esperienza di prestigiatore

In affetti ce ne sono stati diversi, di momenti molto intensi, ma se devo citarne uno posso dire quando ho partecipato al concorso internazionale di Abano Terme, nel 2000, ed ho vinto il primo premio per la magia da scena, a coronamento di un lungo e duro lavoro.

Quali sono i personaggi che ti hanno influenzato di più ed in che modo.

Alcuni personaggi mi hanno colpito e mi hanno influenzato in particolar modo, il primo in assoluto è Vito Lupo, prima con il suo numero da Pierrot magico, poi con lo spettacolo attuale, con lui ho avuto anche il piacere di fare uno stage assieme, che è stato molto interessante e creativo.
Un altro è Lance Burton, Grand prix Losanna 1982, la sua magia con le colombe, ed la sua eleganza e charme, mi hanno stimolato molto nella costruzione dei miei spettacoli.
Nella micromagia, ho una passione particolare per le monete, passione che mi è venuta molti anni fa guardando e riguardando i video di David Roth vero “virtuoso delle monete”

Quale aspetto della nostra arte preferisci

La passione per la magia, da’ la possibilità alle persone più chiuse e con qualche problema di comunicazione, di potersi esprimere e comunicare con gli altri, e’ una grande terapia, che apre le porte verso le relazioni con gli altri.
E’ un aspetto, per me molto importante che a volte è poco ricordato.

Quali sono i tuoi progetti futuri

La magia mi ha dato tutto ciò che ho, ed io ho cercato nel mio piccolo di restituire alla magia con il mio lavoro e la divulgazione magica il più possibile.
La recessione economica che stiamo vivendo in questi ultimi anni sta mettendo in seria difficoltà il nostro settore, i miei progetti futuri sono quelli di poter continuare a praticare questa bellissima arte ancora per molti anni.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*